State alla larga dai gestori figli di papà

Testo dell’articolo pubblicato il 18.09.2016 su “Il Sole 24 Ore”,  nella rubrica “Alla luce del Sole”. 

La mela non casca lontana dall’albero – recita un proverbio inglese. Forse anche per questo in Italia le origini familiari vengono utilizzate per valutare le persone. Quando ero bambino, gli adulti usavano chiederti “come nasci?” Non era una domanda indiscreta su come eri stato partorito, ma sul tuo lignaggio. L’assunto era che le famiglie notabili (se non nobili) generassero figli altrettanto notevoli. Oggi questa domanda è meno comune, ma la discriminazione dinastica no. Solo qualche anno fa il curriculum vitae di un rampollo della Brescia bene recitava “figlio dell’avvocato Amilcare Di Mezza, professionista e imprenditore bresciano, e di Gnutti Giuliana figlia di Cesarino Gnutti, capostipite della notissima famiglia di imprenditori della Val Trompia”.   Questa dichiarazione veniva prima di qualsiasi titolo di studio o risultato professionale, a dimostrazione che in Italia valgono più i meriti dinastici che quelli personali. Non a caso esistono associazioni basate esclusivamente sul merito dei genitori.

La selezione basata sul lignaggio è discriminatoria, ma non necessariamente inefficiente dal punto di vista individuale. Non c’è dubbio che vi sia una predisposizione ereditaria a certo tipo di professioni e che – in aggiunta – una parte importante del capitale umano venga accumulato in famiglia. In media un figlio di Yo-Yo Ma sarà un musicista migliore e quello di Messi un calciatore migliore del figlio di uno come me che a stento sa suonare il campanello o calciare un tiro tra i pali. Non sapendo null’altro di una persona, tranne la professione dei genitori, è ottimale (almeno dal punto di vista individuale) utilizzare il lignaggio per selezionare. Il quesito interessante è se questa conclusione valga anche conoscendo i risultati scolastici e lavorativi di una persona. In altri termini, dobbiamo valutare positivamente o negativamente l’informazione aggiunta dal bresciano al suo curriculum vitae?

Finora era difficile rispondere a questa domanda perché non c’era nessun dataset che contenesse informazioni sul reddito dei padri e la performance dei figli. Di recente gli Stati Uniti hanno reso disponibili tutti i dati dei censimenti fino al 1940, con tanto di nomi e cognomi. Due professori di finanza hanno avuto la pazienza di collegare i nomi dei gestori di fondi comuni di investimento attuali con quelli dei loro genitori, studiando la relazione tra performance dei figli e reddito dei padri. I risultati sono sorprendenti. Il rendimento medio di un gestore di umili origini eccede quello di un gestore “figlio di papà” di 2,16 punti percentuali l’anno. Sembra poco, ma si tratta di performance aggiustata per il rischio (quella che in finanza si chiama alfa). Come alfa è molto elevato.

Questo non vuol dire che in media i figli dei poveri siano più bravi dei figli dei ricchi, ma solo che è più facile per un figlio di un ricco diventare gestore di un fondo (anche con una performance mediocre). Gli autori dello studio sembrano trovare conferma di questa ipotesi nei dati. I manager nati ricchi hanno maggiori probabilità di essere promossi, mentre quelli nati poveri sono promossi solo se dimostrano dei risultati molto buoni.  L’esempio più eclatante di questo fenomeno, anche se si tratta di un genero e non di un figlio, viene da un episodio di cronaca recente.  Il marito di Chelsea Clinton, la figlia di Bill e Hillary, era riuscito ad ottenere – anche grazie alle relazioni dei suoceri – 25 milioni di dollari da gestire nel suo hedge fund. Peccato che nel giro di due anni abbia perso il 90 per cento del capitale investito ed abbia dovuto liquidare il fondo.

Le scarse capacità dei figli di papà sono confermate anche da uno studio sui maschi norvegesi, che è stato in grado di collegare la professione dei figli non solo con il reddito dei genitori, ma anche con il quoziente di intelligenza dei figli stessi (in Norvegia viene misurato alla visita di leva). Lo studio documenta che i figli che seguono la professione del padre sono mediamente meno intelligenti di quelli che non lo fanno. Il probabile motivo è che il vantaggio comparato dato dalle relazioni paterne è più importante per una persona meno brillante.

Lungi dal segnalare le capacità individuali, i successi dei genitori indicano che una persona è stata più fortunata che brava.  Forse conviene chiedere “come nasci”, ma solo per stare alla larga dai figli di papà.


Qui di seguito i link ai precedenti articoli della Rubrica “Alla Luce del Sole”: 

– Un’assicurazione comune contro la disoccupazione per salvare l’Unione Europea
– Quale soluzione per il Monte Paschi?
– Crisi bancarie, chi non impara dalla storia le ripete
– Quel «tesoretto» della bad bank del Banco di Napoli
– Quante sofferenze si nascondono negli “incagli”?
– Cosa Insegnano ad Atlante le Sofferenze del Banco di Napoli 
– Le Operazioni di Sistema sono Aiuti di Stato?
– Aguzzate la vista
L’azione di responsabilità è fondamentale per ricostruire la fiducia nelle banche Italiane
Deutsche Bank e Monte Paschi: similitudini e differenze
– Salvare le banche per far ripartire l’economia
– L’importanza di un Buon Piano di Successione e il Ruolo del Consiglio di Amministrazione 
Le Occasioni Mancate dell’Ufficio Studi Bankitalia
– Cosa fare per evitare che il “decreto banche” diventi solo un regalo alle banche
– Le Assicurazioni, Atlante e la Tutela dei Risparmiatori
– Etica e integrità dei vertici per controllare i rischi 
– Le Responsabilità della Consob sulle Obbligazioni Subordinate
– Gli stipendi degli AD e quei paracadute troppo grandi

5 pensieri su “State alla larga dai gestori figli di papà

  1. Pingback: Una Regola per Combattere la Corruzione | EUROPA O NO

  2. Pingback: Una lezione da Wells Fargo (da imparare e applicare anche in Italia). | EUROPA O NO

  3. Ricorda ,caro Luigi, la frase di Farinata degli Uberti nell’Inferno dantesco ?

    “Chi fur li tuoi maggiori ?” chiede a Dante .

    Siamo sempre lì, non ci smuoviamo di una virgola.

    Mi piace

  4. …come a dire, come ampiamente da Lei argomentato in svariate altre occasioni, che se non si ricomincia a dare il giusto posto al merito, ci troveremo sempre più a fare i conti con una casta di incapaci. E non credo che potrà consolarci il fatto che siano di nobile lignaggio!
    Cordiali saluti, e come sempre complimenti.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.