EUROPA O NO

Sogno da realizzare o incubo da cui uscire

LUIGI ZINGALES

Dalla Francia alla Grecia, dalla Finlandia all’Italia, i movimenti contro l’Unione avanzano.

In che cosa hanno ragione e dove sbagliano?

Come fu per l’Unità d’Italia nell’Ottocento, l’euro e l’unificazione europea sono stati presentati come ideali che non lasciavano spazio a un’analisi economica dei costi e dei benefici.

Luigi Zingales sostiene che la realtà è molto più prosaica: questa Europa è un patto faustiano tra Francia e Germania, che vede l’Italia nel ruolo di comprimario e spesso di vittima.

Alla visione dell’Europa come fine, Zingales contrappone una visione dell’Europa come mezzo per garantire la libertà, la pace, e la prosperità economica del continente. E in questa prospettiva analizza le attuali istituzioni europee, mantenendosi distante dall’europeismo fanatico come dall’antieuropeismo viscerale.

Il mercato unico ha beneficiato l’Europa facilitando la libera circolazione delle merci, dei capitali, e delle persone. Qualsiasi passo indietro su questo fronte sarebbe negativo. Ma la concezione  centralista di Europa, che vuole imporre norme uguali per tutti da Helsinki a Malta rischia di trasformarsi in uno strumento di oppressione del Nord sul Sud.

L’Europa deve rimanere una comunità di stati indipendenti che imparano gli uni dagli altri: non uno stato unitario dove il Nord domina sul Sud. Per l’Italia, l’euro è stato molto utile a contenere l’inflazione e a ridurre in modo consistente gli interessi sul debito pubblico. Ma la classe politica ha sprecato i benefici di questa adesione.

La nostra crisi strutturale non è colpa dell’euro né può essere risolta uscendone. L’euro, però, non può stare in piedi, nella forma in cui è stato disegnato.

In questo saggio Zingales indica le tre riforme indispensabili per la sopravvivenza della moneta unica e per evitare che l’Italia faccia la fine dell’Argentina, Europa o no.

ZingalesEUROPAsimulato
EUROPA O NO

pp. 234, € 18,00

saggi Rizzoli, Aprile 2014

Lo trovi qui

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...