Etica e integrità dei vertici per controllare i rischi

Testo dell’articolo scritto per la rubrica “Alla luce del Sole” e pubblicato il 22.05.2016 su “Il Sole 24 Ore” . Qui e qui i precedenti articoli della rubrica.

Tradizionalmente la gestione del rischio delle banche era una questione matematico-quantitativa. Dopo la crisi si è capito che dietro quelle formule ci sono degli esseri umani pensanti. Per questo per controllare il rischio non si parla più solo di beta, delta o vega, ma di etica, integrità, ed esempio che emana dai vertici, quello che gli inglesi chiamano il “tone at the top.” Questo nuovo trend internazionale, codificato in un rapporto del 2015 del Bank of International Settlement (Banca dei regolamenti internazionali, Bri), oggi sta diventando la norma.
Per la prima volta la Bri identifica come una cultura aziendale volta a «rafforzare le norme per un comportamento responsabile ed etico» sia una «componente fondamentale della buona corporate governance» delle banche. La responsabilità di coltivare questa cultura spetta al consiglio di amministrazione che deve «creare aspettative che tutte le attività siano condotte in modo legale ed etico, e vigilare sul rispetto di tali valori da parte dei dirigenti e dipendenti». Il consiglio deve anche «assicurarsi che i dipendenti, compresi i dirigenti, siano consapevoli del fatto che a comportamenti inaccettabili e trasgressioni faranno seguito le opportune azioni disciplinari o di altra natura».

Le autorità di vigilanza, a loro volta, devono «fornire una guida per la supervisione e la corporate governance nelle banche , anche attraverso valutazioni complete e una regolare interazione con il consiglio e gli alti dirigenti, e devono richiedere azioni correttive e di miglioramento quando necessario». In questo spirito, in Olanda la vigilanza bancaria sottopone i candidati ai consigli delle banche a dei test psicologici, per vedere la loro attitudine ad intervenire, anche quando questo implichi contraddire l’amministratore delegato.
Sono cambiamenti radicali che purtroppo arrivano troppo tardi per evitare i disastri bancari cui abbiamo assistito, ma non troppo tardi per evitare che si ripetano. Ma quali sono le implicazioni pratiche di queste direttive in Italia?

Innanzitutto che i nuovi consigli di amministrazione di Banca Popolare di Vicenza (Bpvi), MontePaschi, Carige, e Veneto Banca hanno non solo il diritto, ma anche il dovere di iniziare l’azione di responsabilità nei confronti del management precedente qualora ci sia anche il minimo estremo giuridico. Troppo spesso questa decisione viene presa seguendo un’analisi costi/benefici di brevissimo periodo. Siccome gli ex manager si affrettano ad intestare conti e proprietà a figli e parenti, il consiglio decide che non è nell’interesse economico della società iniziare l’azione di responsabilità perché il costo è superiore al potenziale beneficio monetario (in caso di vittoria, il colpevole non ha la capienza economica per pagare). Il rapporto della Bri, invece, implica che l’azione vada intrapresa per una questione di principio: per assicurarsi che i dirigenti siano consapevoli che a comportamenti inaccettabili faranno seguito le opportune sanzioni, non solo pecuniarie ma anche morali.

In secondo luogo, il rapporto ci dice che la supervisione della Banca centrale europea ha il diritto/dovere di intervenire chiedendo modifiche della composizione dei consigli di amministrazione e dei collegi sindacali delle banche con un passato controverso. Ad esempio non è possibile che metà del consiglio e l’intero collegio sindacale della Bpvi sia lo stesso che sotto la gestione Zonin. Come può fornire un esempio di integrità e correttezza al resto del personale della banca?

Per finire, c’è la capacità di intervento del fondo Atlante, gestito da Alessandro Penati. Per decenni, sulle pagine del Sole prima e del Corriere e Repubblica poi, Penati è stato un faro che ha illuminato il dibattito sulla corporate governance in Italia. Ora che ha il potere di migliorarla, nominando e revocando il consiglio e il collegio di Bpvi ed iniziando da socio l’azione di responsabilità contro i vertici precedenti, non può tirarsi indietro. A rischio non è solo la sua credibilità, ma quella di tutti noi accademici.

8 pensieri su “Etica e integrità dei vertici per controllare i rischi

  1. Pingback: L’azione di responsabilità è fondamentale per ricostruire la fiducia nelle banche Italiane | EUROPA O NO

  2. Pingback: Deutsche Bank e Monte Paschi: similitudini e differenze | EUROPA O NO

  3. Pingback: Salvare le banche per far ripartire l’economia | EUROPA O NO

  4. Pingback: L’importanza di un Buon Piano di Successione e il Ruolo del Consiglio di Amministrazione | EUROPA O NO

  5. Pingback: Le Occasioni Mancate dell’Ufficio Studi Bankitalia | EUROPA O NO

  6. Pingback: Cosa fare per evitare che il “decreto banche” diventi solo un regalo alle banche | EUROPA O NO

  7. Pingback: Le Assicurazioni, Atlante e la Tutela dei Risparmiatori | EUROPA O NO

  8. Basandomi solo sul contenuto dell’articolo (non avendo a disposizione il testo originale) e riferendomi in particolare al passaggio: “Per la prima volta la Bri identifica come una cultura aziendale volta a «rafforzare le norme per un comportamento responsabile ed etico» sia una «componente fondamentale della buona corporate governance» delle banche. ” chiedo: chi stabilisce cosa è etico? Se l’AD di una banca è un’amante delle orge sado-maso, il suo comportamento è etico? Il fatto deve essere notificato agli azionisti in modo che questi abbiano la possibilità di valutare come appropriato il suo comportamento e decidere conseguentemente? Buona l’intenzione, un po’ fumosa l’eventuale applicazione e se ci sarà fumo ritorneremo al punto di partenza con, in più, un carico extra di normative fuffa.
    Il problema vero è che, culturalmente parlando, è dominante l’idea che il profitto ottenuto legalmente sia più importante di un comportamento non solo legale, ma anche giusto nei confronti del prossimo (basti pensare all’elusione fiscale delle multinazionali e i benefit dei nostri politici: legali, ma chiedete alle persone comuni se sono anche giusti). E fintanto che sarà così, non ci saranno mai abbastanza leggi che raggiungano l’obiettivo.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.