The Greek Dilemma / Ma cedere ai ricatti è sempre un errore

Article written for the Italian Magazine L’Espresso.
Qui l’articolo originale sul sito de L’Espresso.

Sunday the Greeks will choose, but from what choices? Listening to Prime Minister Tsipras, they could say no to the humiliating conditions imposed by Troika or yes to eternal austerity. Listening to the opposition they could say yes to Europe and no to the Euro. Both affirmations are true, but they conveniently omit part of the truth, or rather what will truly happen after the victory of either front. Tsipras omits saying that if the No wins, less than a radical change in Europe’s behavior towards Greece, little can allow Greece to stay in the Euro, a result preferred by the majority of Greeks. The opposition omits saying that this plan of austerity pushes away the risk of bankruptcy, but doesn’t eliminate it. If they don’t change things, after this plan there will probably be another, and another still, because the Greek debt is not sustainable, less than a radical change in Europe’s behavior towards Greece.

It is clear that a Greek that wants to leave the Euro will vote No and one who is okay with the politics imposed by Europe will vote Yes. But these represent the minority. The majority of Greeks wants concessions from Europe, but also wants to stay in the Euro: how should they vote? What makes this referendum unusual is exactly this. In the choice between monarchy and republic, between abortion or not, the consequences of their choice is clear, because they are predetermined. In this referendum they are not. It is asked of citizens that they vote on a negotiation strategy and the main difference between the Yes front and the No one is in the hypotheses that are assumed about how Europe will react. Syriza’s belief is that Europe is more afraid of losing Greece than Greece is of losing Europe. If it were the case, a No victory would force Europe to yield in negotiations so as to avoid Greece’s exit. On the contrary, the beliefs of the opposition are that more is obtained from Europe with good manners than with bad. In this case, a Yes victory, with the probable fall of Tsipras, would bring along the formation of a new government, more in synchrony with Europe. Knowing that the survival of the new government depends on concessions that it manages to obtain from Troika, the latter would be essentially forced to make generous compromises.

But if we analyze the incentives of the involved parties, the two hypotheses are equally probable. If European leaders look at their short-term election incentives, there is no doubt that for them, in particular Merkel and Schäuble, it is more costly to give in to Greece’s blackmail than to be considered co-responsible for Greece’s exit from the Eurozone. In the first case, they would risk losing a considerable slice of their own electorate in favor of the AfD anti-euro, in the second case they wouldn’t (they could maybe even gain votes).

If instead European leaders look at a more long-term prospect, the result doesn’t change. With a long-term prospect, the negotiation between Europe and Greece must be analyzed even for the consequence it will have on the future negotiations with other countries. To give in to black mail would only increase the incentives to blackmail. For this – shortsighted or not – at this point European leaders cannot give into the blackmail from a Greece that votes No but also wants concessions.

This means that the Yes victory is granted? Absolutely not. My analyses assume that all the voters are perfectly informed and act in a rational manner. With only five days left of campaign, in a tense climate, with closed banks, both the hypotheses are not realistic. At the end the winner will be he who manages to dump responsibility for the current situation on the adversary: for Syriza banks are closed by fault of Europe, for the Yes front by fault of Syriza. I am only a fervent supporter of a more democratic Europe, where the people decide and not the bureaucrats in Brussels or Frankfurt, but is this true democracy?

Grexiting the crisis without a Graccident – Uscire dalla crisi greca evitando il Graccident

To have an objective view of the situation I asked the help of a colleague of mine, Stavros Panageas. Not only is he a very good economist and a Greek one, but he also distinguishes himself for a very nice mix of economic thinking and civic passion.  You can enjoy both in this passage written for this blog. LZ

Per avere una visione obiettiva della situazione, ho chiesto aiuto a un mio collega, Stavros Panageas. Non solo è un economista molto bravo ed è Greco, ma si distingue per un mix molto bello di pensiero economico e passione civica. Li apprezzerete entrambi in questo post scritto appositamente per questo blog. LZ

—————————–

by Stavros Panageas

It has been hard, sad, and frustrating to follow the events in Greece these past five years. Even more so for a Greek economist, since it is often difficult to separate the role of the economist – trained to be as impartial as possible – from the role of the citizen of the country that is going through turmoil.

To the extent that I can separate these two roles, I will start speaking as an economist and I will conclude by speaking as a citizen.

As an economist, I would like to start with a very basic question: What is so special about Greece? Why are other European countries such as Ireland, Portugal, and Cyprus seemingly out of the woods, while Greece isn’t?
Surely, Greece was in a worse situation going into the crisis; in particular it had a very high level of debt in 2008. But other European countries had high levels of debt (Belgium, Italy) and they did not suffer the fate of Greece.
I believe that the key issue was not the high level of debt in isolation. It was the combination of a high level of debt with a grossly underestimated “fiscal multiplier” that sealed the fate of the stabilization program. The fiscal multiplier determines how much you kill growth as you are cutting the budget. In a sense, it is the ratio of the medication that is likely to kill you before it cures you.
In Greece the fiscal multiplier proved to be above anyone’s expectation, by official admission of the IMF. In my view, the large fiscal multiplier is just a testament to the frictions in labor markets, good markets, and the bloated public sector – all issues that required structural reform that met with staunch opposition by special interests. In addition, it didn’t help that the stabilization program allowed the Greek government to reduce the budget deficit by increasing taxes (indiscriminately — even on poor people), rather than by reducing expenses.
Couple a high initial debt level with a high fiscal multiplier and you have an explosive mix: The dosage of the medication that is required to kill the disease (the budget cuts required to reduce the debt) is likely to kill the patient (cause a recession that is comparable to the US Great Depression).
Despite this unpleasant arithmetic, the Greek economy persevered for four years, and 2014 was even a year of positive growth (0.7%). The numbers were even more impressive for quarters 2 and 3 on a seasonally adjusted basis. It may be hard to believe or remember it these days, but in March of 2014 everyone was talking about “Grecovery”, not “Grexit”. Just read the newspapers of the time.
Some people will say “Yes, but the debt sustainability was still not cured”. That is true indeed. It is also true that some of the growth was due to cyclical deflation, not nominal growth, which doesn’t help with making the debt sustainable. However, one should not forget that –by now – most of Greek debt is official and long-term with a very low servicing cost. So, if over the course of the next 30 years, the ECB achieved its goal of a 2% inflation across the Eurozone, and Greece managed to sustain real growth, then the calculation changes substantively.
So, my view is that on purely economic grounds, one cannot entirely explain the differences between Greece and Cyprus, Ireland, Portugal. Or at least, any such explanation would also have to explain why growth returned in Greece in quarters 2 and 3 of 2014, and disappeared since the fourth quarter of 2014, when elections were declared.

Enter politics. Politics became a factor that poisoned the relations between Greece on the one hand and investors and creditors on the other. This made the economic recession deeper than it should have been, since there was constant doubt by domestic and foreign investors on whether the country would keep the course of stabilization. Moreover, the creditors kept adding to their demands due to implementation constraints.
Five years of savage recession, and unfair tax hikes became fertile ground for parties that used to belong to the far left and far right. The once-hard-core left lured a substantial fraction of voters with a promise to end austerity and renegotiate the debt. The admittedly tenuous issue on whether the debt was sustainable convinced several centrists that Greece was on the wrong path. Besides, to many people, Tsipras seemed like the person who could break the mold of a corrupt political system.
The issue that Tsipras deliberately left open during his campaign was whether he would be willing to risk Greece’s position in the Eurozone during the negotiation. In the few weeks leading up to the election, however, he became progressively more clear: Greece would stay in the Euro (I wish I could add “no matter what” to this sentence, but he never went as far as to add these three critical words).

So here we are. Predictably Europe said no to Tsipras, and presented him with an ultimatum. So what should be done now?

From this point, I will speak as a citizen, and I will also speculate. Tsipras does not have the democratic mandate to take Greece out the Euro. Polls show that 60% of Greeks would prefer a painful agreement to exit from the Euro. In a peaceful manner Greeks took to the streets a couple of days ago carrying signs “We are staying in Europe”. I am told that the turnout was substantial. In my view, this is because belonging to Europe is an existential choice for Greece, a part of its identity reaching well beyond economics. And taking the path out of the Euro could open the path out of Europe.
So, no Greek prime minister would take the responsibility of explicitly taking the country out of the Euro. So, my view is that if Tsipras cannot achieve something on Monday that he can sell to the people as a meaningful compromise, he will have to go back to the people and ask for a new mandate. Greece will go through turmoil in the meantime, but I am not willing to predict a Grexit just yet.
One thing is for sure, however. Given the broken trust, and the doubts on the feasibility of achieving reforms, the lenders should set a clear “quid-pro-quo” where the “carrot” is a plain, clear path to debt relief. Vague promises will not do at this stage. Such a path would be both good economics and good politics.

—————————–

Seguire gli avvenimenti greci degli ultimi cinque anni è stato duro, triste e frustrante. Lo è stato ancor di più per un economista greco come il sottoscritto, poiché è spesso difficile separare il ruolo di economista, che deve essere il più imparziale possibile, da quello di cittadino del paese in mezzo alla tempesta.

Cercando di separare questi due ruoli, prima parlerò da economista e poi concluderò come cittadino.

Come economista, vorrei iniziare con una domanda molto semplice: cos’ha di speciale la Grecia? Perché gli altri paesi europei come l’Irlanda, il Portogallo e Cipro sembrano aver superato la crisi, mentre la Grecia no?
Sicuramente la Grecia ha affrontato la crisi in una situazione peggiore; in particolare nel 2008 aveva un livello di debito molto elevato. Ma anche altri paesi europei avevano alti livelli di debito (per es. Belgio e Italia), eppure non hanno subito la stessa sorte della Grecia.
Io credo che la questione chiave non sia l’alto livello del debito in sé. È stata piuttosto la combinazione di un elevato livello di debito con un ampiamente sottovalutato “moltiplicatore fiscale” a determinare il fallimento del programma di stabilizzazione. Il moltiplicatore fiscale determina quanto riduci la crescita quando  tagli il budget. In un certo senso, è come il rapporto tra il danno che un farmaco produce e il beneficio che procura.
In Grecia il moltiplicatore fiscale si è rivelato superiore alle aspettative di chiunque, come ha ufficialmente ammesso lo stesso FMI. A mio avviso, un grande moltiplicatore fiscale semplicemente dimostra gli squilibri nel mercato del lavoro, nel mercato dei beni, nell’abnorme settore pubblico – tutte questioni che richiedevano una riforma strutturale che ha trovato la ferma opposizione di interessi particolari. Inoltre, non ha aiutato il fatto che il programma di stabilizzazione abbia permesso al governo greco di ridurre il deficit di bilancio aumentando le tasse (indiscriminatamente – anche sui poveri), piuttosto che riducendo le spese.
Mettete insieme un alto livello di debito iniziale con un elevato moltiplicatore fiscale e avrete un mix esplosivo: la dose di farmaco necessaria per guarire dalla malattia (i tagli di bilancio necessari per ridurre il debito) rischia di uccidere il paziente (provocare una recessione che è paragonabile alla Grande Depressione negli Stati Uniti).
Nonostante questa aritmetica sgradevole, l’economia greca è andata avanti per quattro anni e il 2014 è stato persino un anno di crescita positiva (0,7%). Nel secondo e terzo trimestre, su base destagionalizzata i numeri sono stati ancora più impressionanti. Può essere difficile da credere o ricordare di questi tempi, ma nel marzo del 2014 tutti parlavano di “Grecovery”, non “Grexit”. Basta leggere i giornali del tempo.
Alcuni diranno: “Sì, ma la sostenibilità del debito non era ancora stata ripristinata”. In effetti è vero. È anche vero che una parte della crescita era dovuta a una deflazione ciclica, non a una crescita nominale, che non aiuta a rendere sostenibile il debito. Tuttavia, non bisogna dimenticare che – ormai – la maggior parte del debito greco è nelle mani di organizzazioni internazionali e di lungo termine con un costo di servizio molto basso. Così, se nei prossimi 30 anni, la BCE raggiungerà il suo obiettivo di un’inflazione al 2% in tutta la zona euro, e la Grecia riuscirà a sostenere la crescita reale, allora il calcolo cambierà in maniera sostanziale.
Quindi, la mia opinione è che le differenze tra la Grecia da un lato e Cipro, Irlanda, Portogallo dall’altro non possono essere spiegate solo sulla base di motivazioni strettamente economiche. A meno che non si riesca anche a spiegare perché la crescita sia tornata in Grecia nei trimestri 2 e 3 del 2014, e sia scomparsa dal quarto trimestre del 2014, quando sono state indette le elezioni.

Passiamo alla politica. La politica è diventata un fattore che ha avvelenato le relazioni tra la Grecia da un lato, e gli investitori e i creditori dall’altro. Questo ha reso la recessione economica più profonda di quello che avrebbe dovuto essere, poiché gli investitori nazionali e esteri nutrivano costanti dubbi sulla stabilità politica del paese. Inoltre, i creditori aumentavano le loro richieste a causa delle difficoltà di attuazione.
Cinque anni di recessione selvaggia e ingiusti aumenti fiscali sono diventati terreno fertile per i partiti di estrema destra e di estrema sinistra. Quella che una volta era la sinistra radicale ha attirato una percentuale consistente di elettori con la promessa di porre fine all’austerità e rinegoziare il debito. Il tema notoriamente debole della sostenibilità o meno del debito ha convinto diversi centristi che la Grecia era sulla strada sbagliata. Inoltre, a molte persone, Tsipras sembrava la persona che poteva rompere gli schemi di un sistema politico corrotto.
La questione che Tsipras ha volutamente lasciato aperta durante la sua campagna elettorale era se nella negoziazione sarebbe stato disposto a rischiare la permanenza della Grecia nell’Eurozona. Nelle poche settimane precedenti le elezioni, però, è diventato sempre più chiaro: la Grecia sarebbe rimasta nell’Euro (vorrei poter aggiungere “a qualsiasi costo” a questa frase, ma non è mai arrivato a pronunciare queste tre fondamentali parole).
Ed eccoci qui. Com’era prevedibile, l’Europa ha detto di no a Tsipras e gli ha consegnato un ultimatum. Ora cosa si deve fare?

Da qui in poi, parlerò come cittadino, e farò anche delle previsioni. Tsipras non ha il mandato democratico di portare la Grecia fuori dall’euro. Secondo i sondaggi, il 60% dei greci preferirebbe un accordo doloroso all’uscita dall’Euro. Un paio di giorni fa i greci sono scesi in piazza in modo pacifico portando cartelli “Noi restiamo in Europa”. Mi è stato detto che l’affluenza è stata notevole. A mio parere, questo è perché l’appartenenza all’Europa è per la Grecia una scelta esistenziale, una parte della sua identità che va ben oltre l’economia. E uscire dall’Euro potrebbe significare uscire dall’Europa.
Quindi, nessun primo ministro greco si prenderebbe la responsabilità esplicita di portare il Paese fuori dell’Euro. Perciò, la mia opinione è che se lunedì Tsipras non riesce a raggiungere un accordo che può presentare al popolo come un compromesso significativo, dovrà tornare al popolo e chiedere un nuovo mandato. La Grecia attraverserà nel frattempo un’altra fase turbolenta, ma io non sono ancora disposto a prevedere una Grexit.
Una cosa è tuttavia certa. Visti il venir meno della fiducia e i dubbi sulla capacità di realizzare riforme, i finanziatori dovrebbero fissare un chiaro “quid-pro-quo”, dove la “carota” è un semplice, chiaro percorso di riduzione del debito. A questo punto non servono promesse vaghe. Ci vogliono buona economia e buona politica.

Grexit: a political, not economic problem / Grexit: problema politico, non economico

English translation of my op-ed, published in today’s print edition of “Il Sole 24 Ore”

The final hour is approaching. After months of negotiations, Greece and its creditors seem to have arrived at an impasse. Monday’s Eurogroup meeting could be decisive. If an agreement is not reached, Greece will not able to repay its debts to the IMF. From a technical standpoint it is not yet a default but it is close. In the mean time, the European Central Bank (ECB) is keeping Greek banks alive with continuous injections of liquidity through a line of credit called – not coincidentally – Emergency Liquidity Assistance (ELA). These injections of liquidity compensate the increasingly frantic bank runs. Without the liquidity provided by the ELA, Greek banks would be unable to reopen Monday. At that point, the only way for Greece to save the banking system would be to print its own currency: it would be the infamous Grexit.

In this extremely tense context, it is difficult even for experts to understand the position of both sides and it is easy to slip into the stereotypes of evil Germans or lazy and corrupt Greeks. Even the press, which should inform in an analytical matter, for the most part seems to have become a pure sounding board of preconceived political positions. For this, I tried to go to the source and read the proposals of the Greek Minister of Finance Varoufakis at the last Eurogroup. No longer trusting the way in which these positions could be reported in European press, the minister put them directly on his web page.

I have to admit that I was left surprised by their reasonableness. Varoufakis proposes a plan to increase the competition in various markets starting from the construction market; a reform that facilitates the creation of new business; and a severe anticorruption plan. In return he requires a reduction by 0.5% of the primary budget surplus and a shift of the Greek debt by the ECB to the European Stabilization Mechanism, in such way to permit Greece to participate in the benefits of Quantitative Easing. Few people know that today Greece is the only country in the Eurozone that doesn’t benefit from QE because the ECB owns Greek bonds above the limits. Seeing as the limit was decided in January of 2015 when the ECB already held these bonds, it is clear that it had been chosen purposefully to exclude Greece. Finally, Varoufakis requires that pensions not be touched any further.

How is it possible that such a reasonable program is not accepted by Europe? I asked a series of experts and the responses were two. Firstly, this program is still a little bit too vague and effectively the discussion is not equipped with many figures. But the main reason is because no one trusts the Greek government. Contributing to this sense of distrust was not only the behavior in the negotiations but also several internal initiatives (among which the abolition of teacher assessments), which made the Tsipras government “not very credible”.

Surely there is a problem of credibility; the Tsipras government is made of outsiders. It is very difficult for a group of outsiders to take control of a government and manage a country effectively during a crisis like this one. But let’s remember that the reason why the Greeks voted for this government is because the previous insiders were part of the problem (for example, Samaras was one of the leaders of a party whose government had falsified budget data) and maybe for exactly this reason they were too submissive to the requests of the Troika. Let’s not forget that even the Renzi government had trouble in the first months with presenting numerically accurate plans and it backtracked on the Invalsi teacher evaluations. Not for this it was vilified by the European press, quite the opposite .

Certainly, Syriza pays for an original prejudice, in as much as it is a formation of the radical Left, which in some components refutes the market economy. It is also true that both Tsiparis and Varoufakis have made mistakes. But even the IMF has made grave errors (ones they even admitted to) and yet its vertices are not treated with the same contempt. Syriza mostly pays the attempt to change the way in which negotiations occur at the European level. European bureaucracy thrives off secrecy, because it is not accustomed to responding to an elected democratic government. For this reason the European bureaucracy finds itself uncomfortable with a government that makes transparency a priority. The distrust that Europe shows in their regards is mainly distrust of diversity, a diversity that threatens the survival of actual European bureaucrats. How can we come out of this impasse?

The only person in this moment that can save the situation is Angela Merkel. It is up to Merkel to hold Varoufakis to his proposals and act as a guarantor of an agreement. It was the support of Merkel that permitted Draghi to rescue the euro in 2012.  And it could be her support that permits an agreement tomorrow. Certainly, her electoral interests go in the opposite direction. Germans, and even more so her voters, are tired of Greece and extremely contrary to any concession. But this is the moment in which we may see if Merkel is just the head of the German government or also the leader of future Europe. A true leader does not look only at their personal interest, but also at the heart of their entire nation’s interest, in this case the entire European nation. And this interest is certainly for an agreement. I don’t mean an agreement at all costs, but one along the reasonable positions outlined in Varoufakis’ proposals. Either Merkel becomes the midwife of a new Europe or she will find herself relegated by history as responsible for having killed forever a European dream.

———————————

L’ora X si sta avvicinando. Dopo mesi di negoziati la Grecia e i suoi creditori sembrano arrivati a un’impasse. La riunione dell’Eurogruppo di domani potrebbe essere decisiva. Se un accordo non viene raggiunto, la Grecia non è in grado di ripagare i suoi debiti nei confronti del Fondo Monetario Internazionale. Da un punto di vista tecnico non è ancora default, ma ci siamo vicini. Nel frattempo la Banca centrale europea (BCE)sta tenendo in vita le banche greche con continue immissioni di liquidità attraverso una linea di credito chiamata – non a caso – Emergency liquidity assistance (ELA).
Queste iniezioni di liquidità compensano la corsa agli sportelli sempre più frenetica. Senza la liquidità fornita dall’ELA le banche greche non potrebbero riaprire lunedì. A quel punto l’unico modo per salvare il sistema bancario sarebbe stampare una propria moneta: sarebbe la famigerata Grexit.
In questo contesto estremamente teso è difficile anche per gli esperti capire le posizioni delle due parti ed è facile scadere negli stereotipi dei tedeschi cattivi o dei greci pigri e corrotti. Anche la stampa, che dovrebbe informare in modo analitico, sembra per la maggior parte essere diventata una pura cassa di risonanza di posizioni politiche preconcette. Per questo ho provato ad andare alla fonte ed ho letto le proposte avanzate dal ministro delle Finanze greco Varoufakis all’ultimo Eurogruppo. Non fidandosi più di come potrebbero essere riportate sulla stampa europea, il ministro ha messo queste proposte direttamente sulla sua pagina web.
Devo ammettere che sono rimasto sorpreso della loro ragionevolezza. Varoufakis propone un piano per aumentare la competizione sui vari mercati a cominciare da quello delle costruzioni; una riforma che faciliti la creazione di nuove imprese; e un severo piano anticorruzione. In cambio richiede una riduzione dello 0,5% del surplus primario di bilancio e uno spostamento del debito greco detenuto dalla Bce all’European Stabilization Mechanism, cosicché da permettere alla Grecia di partecipare ai benefici del Quantitative easing. Pochi sanno che oggi la Grecia è l’unico Paese dell’eurozona a non beneficiare del Qe perché la Bce possiede titoli greci al di sopra del limite. Visto che il limite è stato deciso a gennaio 2015 quando la Bce deteneva già questi titoli, si capisce che è stato scelto apposta per escludere la Grecia. Infine, Varoufakis richiede che non vengano toccate ulteriormente le pensioni.
Come è possibile che questo programma così ragionevole non sia accettato dall’Europa?

Ho chiesto ad una serie di esperti e la risposta è stata duplice. Innanzitutto questo programma è ancora troppo vago, ed effettivamente il discorso non è corredato da molti numeri. Ma il motivo principale è che nessuno si fida del governo greco.

Continua a leggere sul sito del Sole 24 Ore

Europe and Giavazzi’s revealing lapsus / L’Europa e il lapsus rivelatore di Giavazzi

Francesco Giavazzi’s FT article on Greece has triggered a lot of visceral reactions, but it has not been analyzed for what it means regarding the change in attitude of the European élite regarding the European project.

You can sense that an ideal is in trouble when even the staunchest supporters start to take distance from it. For this reason, Giavazzi’s article sounds like a death-knell for the ideal of a united Europe. A long term collaborator and friend of Carlo Azeglio Ciampi (who brought Italy in the euro) and ECB President Mario Draghi, Giavazzi has been one of the most ardent supporters of the euro and of the European unification process. Yet, this support is hard to detect in his article, albeit I suspect he would deny.

The article raises several relevant points: that the Greek debt is unsustainable, that its reduction alone will not bring prosperity, that “it is not for the rest of Europe to impose reforms on Greece”, and that “Europeans, too, have made mistakes”. But these points are raised in a contest that seems to ignore the fundamental flaw of the Eurozone since its creation and tries to dump all responsibility on the behavior of Greeks. This attitude is not only unfair to Greece, but it is dangerous for Europe. It naturally leads to the conclusion – endorsed in the article — that by amputating the cankerous Greek limb, one can fix the European problem. It is a huge delusion, since the problem is not just in a limb, but it pervades the very essence of the monetary union.

Expelling Greece will not fix the problem, it will only postpone the necessary solution.
There is no doubt that Greek governments lied (more than those of other countries) and that Greek fiscal situation in 2010 was unsustainable, inside or outside of the euro. Yet, in analogous situations the IMF recipe was austerity plus a generous haircut on the debt. Why wasn’t an haircut imposed this time? If it was to preserve the stability of the European financial system, why the full cost of this intervention was imposed on the Greek alone? In the United States – which Giavazzi correctly takes as a benchmark of a functioning union – the cost of banks bailout was borne by all taxpayers, not only of Nevada and Florida, where the crisis was most severe.
In a real monetary union – like the United States – the fiscal redistribution is not limited to the banking union, but includes also automatic fiscal transfers (like federal unemployment insurance) and ad hoc transfers. One third of the $800bn stimulus package approved by Obama in 2009 contained exceptional transfers to the states.

How much did the European Union do for the countries worst hit by the crisis?
In its comparison with the United States, however, Giavazzi makes a revealing Freudian lapse, comparing Angela Merkel with Barack Obama. Unlike Obama, Angela Merkel is not the legitimately elected president of the Union, but simply the head of the most powerful state. She is more like Andrew Cuomo, governor of New York state, or Jerry Brown, governor of California.  That she is in charge of the negotiations reveals the fundamental mistake made by the Euro founding fathers: by putting the monetary union ahead of the political union, they have created not a democratic union, but a German hegemony.
In the United States even the smaller states have two senators, the same number of the biggest ones. This constitutional device ensures that the interest of all the people, not just of the people of the most economically powerful state, will be heard. By contrast, the intergovernmentalist approach in Europe ensures that the EU is run mainly with the interest of the Germans and French in mind. Not even the German and French people, but the German and French banks. In 2010, when they were heavily exposed to Greece, “saving” Greece was a priority. Now, that they dumped their dubious credit on the shoulders of European taxpayers, they are happy to let Greece go.

The merit of Giavazzi’s article is to make very clear the position of the pro Europe élite. Greece is dispensable to save the European project in the current form. It is trying to fix a mistake, with another mistake. The European project in the current form is not sustainable and it is not the Greeks’ fault.
It is time to recognize it and do our best to fix it.

————————————

L’articolo di Francesco Giavazzi sulla Grecia, apparso sul FT, ha scatenato un sacco di reazioni viscerali, ma non è stato analizzato per ciò che significa rispetto al cambiamento di atteggiamento dell’élite europea nei confronti del progetto europeo.

Si capisce che un ideale è in difficoltà quando anche i più convinti sostenitori cominciano a prenderne le distanze. Per questo motivo, l’articolo di Giavazzi suona come una campana a morto per l’ideale di un’Europa unita. A lungo collaboratore e amico di Carlo Azeglio Ciampi (che ha portato l’Italia nell’euro) e del presidente della BCE Mario Draghi, Giavazzi è stato, appunto, uno dei più convinti sostenitori dell’euro e del processo di unificazione europea. Sostegno e convinzione entrambi difficili da scorgere nel suo articolo (anche se immagino che negherà).

L’articolo tocca diversi punti importanti: che il debito greco è insostenibile, che la sola riduzione di questo debito non produrrà automaticamente ricchezza, che il resto d’Europa non può imporre riforme in Grecia e che anche gli europei hanno commesso errori. Ma questi punti sono inseriti in un contesto che da un lato sembra ignorare il “peccato originale” della zona euro e dall’altro cerca di scaricare tutte le responsabilità sul comportamento dei greci. Questo atteggiamento non solo non è giusto nei confronti della Grecia, ma è pericoloso per l’Europa perché porta alla conclusione – sostenuta nell’articolo – che amputando l’arto greco canceroso, si risolve il problema europeo. Questa è un’enorme illusione, dato che il problema non è solo in un arto, ma pervade l’essenza dell’unione monetaria.

Espellere la Grecia non risolverà il problema, solo ne rinvierà la necessaria soluzione.
Non vi è dubbio che i governi greci abbiano mentito (più di quelli di altri paesi) e che la situazione fiscale greca nel 2010 fosse insostenibile, dentro o fuori dall’euro. Tuttavia, in situazioni analoghe la ricetta del FMI ha comportato austerità più un generoso taglio del debito. Perché in questo caso il taglio non è stato imposto? Se non lo si è fatto per preservare la stabilità del sistema finanziario europeo, perché l’intero costo di questo intervento è stato fatto pagare alla sola Grecia? Negli Stati Uniti – che correttamente Giavazzi indica come riferimento di unione che funziona – il costo del piano di salvataggio delle banche è stato sostenuto da tutti i contribuenti, non solo da quelli del Nevada e della Florida, dove la crisi è stata più grave.
In una vera e propria unione monetaria – come gli Stati Uniti – la redistribuzione fiscale non è limitata all’unione bancaria, ma comprende anche trasferimenti fiscali automatici (come l’assicurazione federale contro la disoccupazione) e trasferimenti ad hoc. Un terzo del pacchetto di stimolo da 800 miliardi di dollari approvato da Obama nel 2009 conteneva trasferimenti eccezionali agli stati.

Cosa e quanto ha fatto l’Unione europea per i paesi più colpiti dalla crisi?
Nel suo confronto con gli Stati Uniti, tuttavia, Giavazzi ha un lapsus freudiano molto rivelatore, quando confronta Angela Merkel con Barack Obama. A differenza di Obama, Angela Merkel, non è il presidente legittimamente eletto dell’Unione, ma semplicemente il capo dello Stato più potente. È più come Andrew Cuomo, governatore dello stato di New York, o Jerry Brown, governatore della California. Che lei sia responsabile dei negoziati rivela l’errore fondamentale dei padri fondatori dell’euro: realizzando l’unione monetaria prima dell’unione politica, hanno creato non un’unione democratica, ma una egemonia tedesca.
Negli Stati Uniti anche gli stati più piccoli hanno due senatori, lo stesso numero di quelli più grandi. Questo dispositivo costituzionale assicura che sarà fatto l’interesse di tutto il popolo americano, non solo di quello dello stato economicamente più potente. Al contrario, l’approccio intergovernativo europeo, fa sì che l’Unione europea sia gestita principalmente nell’interesse di tedeschi e francesi. E non dei popoli tedesco e francese, ma delle banche tedesche e francesi. Nel 2010, quando queste erano pesantemente esposte verso la Grecia, “salvare” la Grecia era una priorità. Ora che hanno scaricato il loro discutibile credito sulle spalle dei contribuenti europei, sono felici di lasciare andare la Grecia.

Il merito dell’articolo di Giavazzi è quello di rendere molto chiara la posizione dell’élite pro-Europa. La Grecia non è essenziale per salvare il progetto europeo nella forma attuale. Si sta quindi cercando di correggere un errore con un altro errore. Il progetto europeo nella forma attuale non è sostenibile e non per colpa della Grecia.
È arrivato il momento di riconoscerlo e fare del nostro meglio per risolvere il problema.

Per salvare l’Europa è necessaria una coscienza europea

Testo dell’articolo pubblicato su L’Espresso del 4.06.2015 con il titolo “Rischio Quarto Reich nel futuro dell’Europa”

E PLURIBUS UNUM è il motto latino che campeggia sul sigillo degli Stati Uniti. Per unire veramente gli stati americani ci sono voluti più di due secoli e una devastante guerra civile. L’Unione europea (Ue) sta cercando di compiere la stessa evoluzione, ma ha cominciato solo sessant’anni fa e vorrebbe evitare guerre civili.
Nonostante la lentezza e le complicazioni, finora questo processo di unificazione era sembrato inevitabile e irreversibile. Oggi non più. Con i rischi concreti di un’uscita della Grecia dall’euro (che secondo i trattati implicherebbe anche un’uscita dall’Unione) e il referendum inglese sulla possibilità di abbandonare l’Ue, il processo di integrazione europea rischia di ingranare la marcia indietro. Perché l’Europa è entrata in crisi? È solo colpa della situazione economica o ci sono problemi strutturali? Per salvare il processo di unificazione ha senso creare un’Europa a più velocità?

La risposta alla prima domanda è semplice. La crisi del processo di integrazione europea era inevitabile. All’inizio sono stati colti i benefici più significativi, che potevano essere ottenuti con cessioni molto limitate della sovranità nazionale: la libera circolazione di persone, beni e capitali. Non a caso questa fase avvenne con ampio consenso delle nazioni coinvolte.
Poi venne la moneta unica. Il beneficio immediato (più bassi tassi di interesse) sembrava sovrastare qualsiasi costo futuro in termini di perdita di sovranità e in molti (forse troppi) saltarono sul carro. Ora però, per continuare a beneficiare della moneta comune è necessario creare dei meccanismi di condivisione del rischio durante le crisi: quali un’assicurazione europea contro la disoccupazione.
Perché questo possa avvenire politicamente, però, ci vuole innanzitutto un’identità di popolo. È già difficile rinunciare ai propri soldi per aiutare il prossimo. Diventa pressoché impossibile quando questo “prossimo” ci appare diverso (per tradizioni, lingua o religione). Tanto più diversa da noi è una persona in difficoltà, tanto più facile è trovare una giustificazione per non aiutarla: non se lo merita, è pigra, ecc. Lo stesso vale per i Paesi. Dati alla mano i greci lavorano di più dei tedeschi, eppure questi ultimi giustificano il loro rigore con la pigrizia greca.

Per gli Stati Uniti è stato più facile: hanno potuto cementare la loro identità di nazione per quasi 150 anni prima di introdurre un sistema di welfare durante il New Deal. Per giunta la Grande Depressione colpì tutti gli Stati indifferentemente: se la Depressione fosse stata limitata solo al Sud, le tensioni della guerra civile sarebbero probabilmente riesplose come riesplodono oggi in Europa le divisioni ed i risentimenti della Seconda guerra mondiale.
La crisi economica (per di più asimmetrica) che ha colpito l’Europa ha solo innescato delle contraddizioni che erano intrinseche al processo di unificazione. Se una ripresa potrà attenuarle, non riuscirà mai ad annullarle. Proprio per questo veleggia l’ipotesi di uno scatto in avanti. Se non c’è consenso tra tutti i paesi dell’Ue per una maggiore integrazione, perché non tentare con un’Europa a due velocità?
Sarebbe molto facile per la Germania integrarsi maggiormente con i paesi satelliti, dall’Olanda all’Austria, dal Belgio alla Finlandia; e dal punto di vista economico questo esperimento potrebbe servire da esempio per gli altri. Ma creerebbe due grossi problemi politici. Senza la Francia (che non è pronta né economicamente né politicamente per un salto del genere), il gruppetto assomiglierebbe pericolosamente a un Quarto Reich. Inoltre se l’esperimento riuscisse, le successive estensioni non sarebbero adesioni ma annessioni. L’avanguardia europea trasformerebbe il processo di unificazione europea in una egemonia totale della Germania.

Purtroppo non ci sono scorciatoie: se vogliamo salvare l’ideale europeo è necessario creare una coscienza europea. Ma è impossibile formarla fintantoché l’Europa è gestita dai capi dei governi nazionali e non da un governo comune europeo.
Il vero deficit di cui si deve preoccupare l’Europa è quello di democrazia.

Europe at crossroads / L’Europa è a un bivio

del PM greco Alexis Tsipras, 31 Maggio 2015. 
Pubblicato su Le Monde e sul sito della Presidenza del Consiglio della Repubblica Ellenica
In basso la traduzione italiana.

Prime Minister Alexis Tsipras’ article in Le Monde newspaper:

On 25th of last January, the Greek people made a courageous decision. They dared to challenge the one-way street of the Memorandum’s tough austerity, and to seek a new agreement. A new agreement that will keep the country in the Euro, with a viable economic program, without the mistakes of the past.
The Greek people paid a high price for these mistakes; over the past five years the unemployment rate climbed to 28% (60% for young people), average income decreased by 40%, while according to Eurostat’s data, Greece became the EU country with the highest index of social inequality.
And the worst result: Despite badly damaging the social fabric, this Program failed to invigorate the competitiveness of the Greek economy. Public debt soared from 124% to 180% of GDP, and despite the heavy sacrifices of the people, the Greek economy remains trapped in continuous uncertainty caused by unattainable fiscal balance targets that further the vicious cycle of austerity and recession.
The new Greek government’s main goal during these last four months has been to put an end to this vicious cycle, an end to this uncertainty.
Doing so requires a mutually beneficial agreement that will set realistic goals regarding surpluses, while also reinstating an agenda of growth and investment. A final solution to the Greek problem is now more mature and more necessary than ever.
Such an agreement will also spell the end of the European economic crisis that began 7 years ago, by putting an end to the cycle of uncertainty in the Eurozone.
Today, Europe has the opportunity to make decisions that will trigger a rapid recovery of the Greek and European economy by ending Grexit scenarios, scenarios that prevent the long-term stabilization of the European economy and may, at any given time, weaken the confidence of both citizens and investors in our common currency.
Many, however, claim that the Greek side is not cooperating to reach an agreement because it comes to the negotiations intransigent and without proposals.

Is this really the case?

Because these times are critical, perhaps historic–not only for the future of Greece but also for the future of Europe–I would like to take this opportunity to present the truth, and to responsibly inform the world’s public opinion about the real intentions and positions of Greece.
The Greek government, on the basis of the Eurogroup’s decision on February 20th, has submitted a broad package of reform proposals, with the intent to reach an agreement that will combine respect for the mandate of the Greek people with respect for the rules and decisions governing the Eurozone.
One of the key aspects of our proposals is the commitment to lower – and hence make feasible – primary surpluses for 2015 and 2016, and to allow for higher primary surpluses for the following years, as we expect a proportional increase in the growth rates of the Greek economy.
Another equally fundamental aspect of our proposals is the commitment to increase public revenues through a redistribution of the burden from lower and middle classes to the higher ones that have effectively avoided paying their fair share to help tackle the crisis, since they were for all accounts protected by both the political elite and the Troika who turned “a blind eye”.
From the very start, our government has clearly demonstrated its intention and determination to address these matters by legislating a specific bill to deal with fraud caused by triangular transactions, and by intensifying customs and tax controls to reduce smuggling and tax evasion.
While, for the first time in years, we charged media owners for their outstanding debts owed to the Greek public sector.
These actions are changing things in Greece, as evidenced the speeding up of work in the courts to administer justice in cases of substantial tax evasion. In other words, the oligarchs who were used to being protected by the political system now have many reasons to lose sleep.
In addition to these overarching goals that define our proposals, we have also offered highly detailed and specific plans during the course of our discussions with the institutions that have bridged the distance between our respective positions that separated us a few months ago.
Specifically, the Greek side has accepted to implement a series of institutional reforms, such as strengthening the independence of the General Secretariat for Public Revenues and of the Hellenic Statistical Authority (ELSTAT), interventions to accelerate the administration of justice, as well as interventions in the product markets to eliminate distortions and privileges.
Also, despite our clear opposition to the privatization model promoted by the institutions that neither creates growth perspectives nor transfers funds to the real economy and the unsustainable debt, we accepted to move forward, with some minor modifications, on privatizations to prove our intention of taking steps towards approaching the other side.
We also agreed to implement a major VAT reform by simplifying the system and reinforcing the redistributive dimension of the tax in order to achieve an increase in both collection and revenues.
We have submitted specific proposals concerning measures that will result in a further increase in revenues. These include a special contribution tax on very high profits, a tax on e-betting, the intensification of checks of bank account holders with large sums – tax evaders, measures for the collection of public sector arrears, a special luxury tax, and a tendering process for broadcasting and other licenses, which the Troika coincidentally forgot about for the past five years.
These measures will increase revenues, and will do so without having recessionary effects since they do not further reduce active demand or place more burdens on the low and middle social strata.
Furthermore, we agreed to implement a major reform of the social security system that entails integrating pension funds and repealing provisions that wrongly allow for early retirement, which increases the real retirement age.
These reforms will be put into place despite the fact that the losses endured by the pension funds, which have created the medium-term problem of their sustainability, are mainly due to political choices of both the previous Greek governments and especially the Troika, who share the responsibility for these losses: the pension funds’ reserves have been reduced by 25 billion through the PSI and from very high unemployment, which is almost exclusively due to the extreme austerity program that has been implemented in Greece since 2010.
Finally–and despite our commitment to the workforce to immediately restore European legitimacy to the labor market that has been fully dismantled during the last five years under the pretext of competitiveness–we have accepted to implement labor reforms after our consultation with the ILO, which has already expressed a positive opinion about the Greek government’s proposals.
Given the above, it is only reasonable to wonder why there is such insistence by Institutional officials that Greece is not submitting proposals.
What end is served by this prolonged liquidity moratorium towards the Greek economy? Especially in light of the fact that Greece has shown that it wants to meet its external obligations, having paid more than 17 billion in interest and amortizations (about 10% of its GDP) since August 2014 without any external funding.
And finally, what is the purpose of the coordinated leaks that claim that we are not close to an agreement that will put an end to the European and global economic and political uncertainty fueled by the Greek issue?
The informal response that some are making is that we are not close to an agreement because the Greek side insists on its positions to restore collective bargaining and refuses to implement a further reduction of pensions.
Here, too, I must make some clarifications:
Regarding the issue of collective bargaining, the position of the Greek side is that it is impossible for the legislation protecting employees in Greece to not meet European standards or, even worse, to flagrantly violate European labor legislation. What we are asking for is nothing more than what is common practice in all Eurozone countries. This is the reason why I recently made a joint declaration on the issue with President Juncker.
Concerning the issue on pensions, the position of the Greek government is completely substantiated and reasonable. In Greece, pensions have cumulatively declined from 20% to 48% during the Memorandum years; currently 44.5% of pensioners receive a pension under the fixed threshold of relative poverty while approximately 23.1% of pensioners, according to data from Eurostat, live in danger of poverty and social exclusion.
It is therefore obvious that these numbers, which are the result of Memorandum policy, cannot be tolerated–not simply in Greece but in any civilized country.

So, let’s be clear:
The lack of an agreement so far is not due to the supposed intransigent, uncompromising and incomprehensible Greek stance.
It is due to the insistence of certain institutional actors on submitting absurd proposals and displaying a total indifference to the recent democratic choice of the Greek people, despite the public admission of the three Institutions that necessary flexibility will be provided in order to respect the popular verdict.
What is driving this insistence?
An initial thought would be that this insistence is due to the desire of some to not admit their mistakes and instead, to reaffirm their choices by ignoring their failures.
Moreover, we must not forget the public admission made a few years ago by the IMF that they erred in calculating the depth of the recession that would be caused by the Memorandum.
I consider this, however, to be a shallow approach. I simply cannot believe that the future of Europe depends on the stubbornness or the insistence of some individuals.
My conclusion, therefore, is that the issue of Greece does not only concern Greece; rather, it is the very epicenter of conflict between two diametrically opposing strategies concerning the future of European unification.
The first strategy aims to deepen European unification in the context of equality and solidarity between its people and citizens.
The proponents of this strategy begin with the assumption that it is not possible to demand that the new Greek government follows the course of the previous one – which, we must not forget, failed miserably. This assumption is the starting point, because otherwise, elections would need to be abolished in those countries that are in a Program. Namely, we would have to accept that the institutions should appoint the Ministers and Prime Ministers, and that citizens should be deprived of the right to vote until the completion of the Program.
In other words, this means the complete abolition of democracy in Europe, the end of every pretext of democracy, and the beginning of disintegration and of an unacceptable division of United Europe.
This means the beginning of the creation of a technocratic monstrosity that will lead to a Europe entirely alien to its founding principles.
The second strategy seeks precisely this: The split and the division of the Eurozone, and consequently of the EU.
The first step to accomplishing this is to create a two-speed Eurozone where the “core” will set tough rules regarding austerity and adaptation and will appoint a “super” Finance Minister of the EZ with unlimited power, and with the ability to even reject budgets of sovereign states that are not aligned with the doctrines of extreme neoliberalism.
For those countries that refuse to bow to the new authority, the solution will be simple: Harsh punishment. Mandatory austerity. And even worse, more restrictions on the movement of capital, disciplinary sanctions, fines and even a parallel currency.
Judging from the present circumstances, it appears that this new European power is being constructed, with Greece being the first victim. To some, this represents a golden opportunity to make an example out of Greece for other countries that might be thinking of not following this new line of discipline.
What is not being taken into account is the high amount of risk and the enormous dangers involved in this second strategy. This strategy not only risks the beginning of the end for the European unification project by shifting the Eurozone from a monetary union to an exchange rate zone, but it also triggers economic and political uncertainty, which is likely to entirely transform the economic and political balances throughout the West.
Europe, therefore, is at a crossroads. Following the serious concessions made by the Greek government, the decision is now not in the hands of the institutions, which in any case – with the exception of the European Commission- are not elected and are not accountable to the people, but rather in the hands of Europe’s leaders.
Which strategy will prevail? The one that calls for a Europe of solidarity, equality and democracy, or the one that calls for rupture and division?
If some, however, think or want to believe that this decision concerns only Greece, they are making a grave mistake. I would suggest that they re-read Hemingway’s masterpiece, “For Whom the Bell Tolls”.

————————————

Il 25 gennaio scorso, il popolo greco ha preso una decisione coraggiosa. Ha osato sfidare la strada a senso unico dell’austerità del Memorandum d’intesa per cercare un nuovo accordo. Un nuovo accordo che consentisse la permanenza del Paese nell’Euro, con un programma economico efficiente, senza gli errori del passato.
Per questi errori il popolo greco ha pagato un prezzo alto: negli ultimi cinque anni il tasso di disoccupazione è salito al 28% (per i giovani 60%), il reddito medio è diminuito del 40%, mentre secondo i dati Eurostat la Grecia è diventata il paese europeo con il più alto indice di disuguaglianza sociale.
E quel che è peggio è che questo Programma non è riuscito a ripristinare la competitività dell’economia greca, mentre ha gravemente danneggiato il tessuto sociale del Paese. Il debito pubblico è salito dal 124% al 180% del PIL e, nonostante i pesanti sacrifici imposti al popolo greco, l’economia del Paese rimane intrappolata in una situazione di costante incertezza causata dagli irraggiungibili obiettivi di saldi di bilancio che alimentano ulteriormente il circolo vizioso dell’austerità e della recessione.
Obiettivo principale del nuovo governo greco nel corso di questi ultimi quattro mesi è stato porre fine a questo circolo vizioso, a questa incertezza.
Ciò richiede un accordo reciprocamente vantaggioso che da un lato fissi obiettivi di surplus realistici e dall’altro ripristini un’agenda per la crescita e gli investimenti. Una soluzione definitiva al problema greco è ora più che mai matura e necessaria.
Tale accordo significherà anche la fine della crisi economica europea iniziata 7 anni fa, chiudendo il ciclo di incertezza nella zona euro.
Oggi l’Europa ha la possibilità di prendere decisioni che daranno il via a una rapida ripresa dell’economia greca ed europea ponendo fine agli scenari di Grexit, che impediscono la stabilizzazione a lungo termine dell’economia europea e possono, in qualsiasi momento, indebolire la fiducia dei cittadini e degli investitori.
Molti, tuttavia, sostengono che il governo greco non sta cooperando per raggiungere un accordo, perché si presenta ai negoziati intransigente e senza proposte.

È davvero così?

Poiché questi sono tempi critici, forse storici – non solo per il futuro della Grecia, ma anche per il futuro dell’Europa – vorrei cogliere questa occasione per presentare la verità e informare responsabilmente l’opinione pubblica mondiale sulle reali intenzioni e posizioni della Grecia.
Il governo greco, sulla base della decisione dell’Eurogruppo del 20 febbraio, ha presentato un ampio pacchetto di proposte di riforma, al fine di raggiungere un accordo che coniugasse il rispetto del mandato ricevuto dal popolo greco con il rispetto delle regole e delle decisioni che governano l’Eurozona.
Un punto chiave delle nostre proposte è l’impegno a ridurre – e quindi a rendere realizzabili – gli avanzi primari per il 2015 e il 2016, acconsentendo ad avanzi primari più elevati per gli anni successivi, poiché ci aspettiamo un aumento proporzionale dei tassi di crescita dell’economia greca.
Un aspetto altrettanto fondamentale delle nostre proposte è l’impegno ad aumentare le entrate pubbliche attraverso una redistribuzione dell’onere fiscale dalle classi medio-basse a quelle più alte che finora non hanno fatto la loro parte per contribuire a far fronte alla crisi, protette in questo sia dall’élite politica che dalla troika che hanno chiuso un occhio.
Fin dall’inizio, il nostro governo ha chiaramente dimostrato la propria intenzione e determinazione ad affrontare questi problemi approvando una legge specifica sulle frodi causate dalle triangolazioni e intensificando i controlli doganali e fiscali per ridurre il contrabbando e l’evasione fiscale.
Mentre, per la prima volta da anni, abbiamo fatto pagare ai proprietari dei media i loro debiti nei confronti del settore pubblico greco.
Queste azioni stanno cambiando le cose in Grecia, come dimostra l’accelerazione dei lavori nei tribunali per amministrare la giustizia sui casi di sostanziale evasione fiscale. In altre parole, gli oligarchi che erano abituati ad essere protetti dal sistema politico hanno ora molti motivi per non dormire sonni tranquilli.
Oltre a questi obiettivi generali che definiscono le nostre proposte, durante le discussioni con le istituzioni abbiamo anche offerto piani estremamente dettagliati e specifici che hanno colmato la distanza di alcuni mesi fa tra le nostre posizioni.
In particolare, il governo greco ha accettato di attuare una serie di riforme istituzionali, quali il rafforzamento dell’indipendenza della Segretariato Generale per le Entrate Pubbliche e della Hellenic Statistical Authority (ELSTAT), gli interventi per velocizzare l’amministrazione della giustizia e quelli ai mercati per eliminare distorsioni e privilegi.
Inoltre, nonostante la nostra netta opposizione al modello di privatizzazioni promosso dalle istituzioni che non crea né prospettive di crescita, né trasferimenti di fondi all’economia reale e all’insostenibile debito, abbiamo accettato di andare avanti, con qualche modifica di poco conto, sulle privatizzazioni, per dimostrare la nostra seria volontà di mediazione.
Abbiamo inoltre deciso di attuare una grande riforma dell’IVA, che semplifichi il sistema e rafforzi la dimensione redistributiva dell’imposta, al fine di ottenere un aumento sia della raccolta che delle entrate.
Abbiamo presentato proposte concrete concernenti misure che si tradurranno in un ulteriore incremento delle entrate. Queste includono una tassa speciale sui profitti molto alti, una tassa sulle scommesse online, l’intensificazione dei controlli sui titolari di conti bancari con somme ingenti – evasori fiscali, misure per la raccolta degli arretrati del settore pubblico, una speciale tassa sul lusso e una gara di appalto per la radiodiffusione e altre licenze, che la troika aveva stranamente dimenticato negli ultimi cinque anni.
Queste misure faranno aumentare le entrate, e lo faranno senza avere effetti recessivi in quanto non riducono ulteriormente la domanda né caricano ulteriori oneri sulle classi sociali medio-basse.
Inoltre, abbiamo deciso di attuare una grande riforma del sistema di previdenza sociale che comporterà l’integrazione dei fondi pensione, l’abrogazione delle disposizioni che consentono ingiusti pensionamenti anticipati e aumenta l’età reale di pensionamento.
Queste riforme saranno messe in atto, nonostante il fatto che le perdite subite dai fondi pensione (che hanno creato il problema della loro sostenibilità a medio termine) siano dovute principalmente a scelte politiche dei precedenti governi greci e soprattutto della troika, che condividono la responsabilità di tali perdite: le riserve dei fondi pensione sono state ridotte di 25 miliardi dal PSI e dall’altissimo tasso di disoccupazione, quasi esclusivamente dovuto al programma di estrema austerità attuato in Grecia a partire dal 2010.
Infine – e nonostante il nostro impegno verso i lavoratori di ripristinare immediatamente la legalità europea del mercato del lavoro, completamente smantellata nel corso degli ultimi cinque anni con il pretesto della competitività – abbiamo accettato di attuare le riforme del lavoro dopo una consultazione con l’ILO, che ha già espresso un parere positivo sulle proposte del governo greco.
Ciò detto, è ragionevole chiedersi perché i funzionari delle istituzioni insistano a dire che la Grecia non presenta proposte.
A che è servita questa prolungata moratoria della liquidità verso l’economia greca? Soprattutto alla luce del fatto che la Grecia ha dimostrato di voler rispettare gli obblighi esteri, avendo pagato più di 17 miliardi di interessi e ammortamenti (circa il 10% del suo PIL) da agosto 2014, senza alcun finanziamento esterno.
E infine, qual è lo scopo delle fughe di notizie coordinate che sostengono che non siamo vicini a un accordo che ponga fine all’incertezza economica e politica europea e globale alimentata dalla questione greca?
La risposta informale che alcuni danno è che non siamo vicini a un accordo perché il governo greco insiste sulle sue posizioni per ripristinare la contrattazione collettiva e si rifiuta di attuare un’ulteriore riduzione delle pensioni.

Anche su questo devo fare alcune precisazioni:

Per quanto riguarda la questione della contrattazione collettiva, la posizione greca è che è impossibile che la legislazione che tutela i dipendenti in Grecia non soddisfi gli standard europei o, ancora peggio, violi in modo flagrante la legislazione europea sul lavoro. Non chiediamo niente di più di ciò che è prassi comune in tutti i paesi della zona euro. Questo è il motivo per cui sulla questione ho recentemente fatto una dichiarazione congiunta con il presidente Juncker.
Riguardo alle pensioni, la posizione del governo greco è del tutto fondata e ragionevole. In Grecia, le pensioni sono diminuite complessivamente dal 20 al 48% negli anni del Memorandum. Attualmente il 44,5% dei pensionati riceve una pensione al di sotto della soglia di povertà relativa, mentre circa il 23,1% dei pensionati, secondo i dati Eurostat, vive a rischio di povertà ed esclusione sociale.
È quindi evidente che questi numeri, che sono il risultato della politica del Memorandum, non possono essere tollerati, non solo in Grecia, ma in nessun paese civile.

Quindi, cerchiamo di essere chiari:
La mancanza di un accordo finora non è dovuta ad una presunta posizione greca intransigente, non incline ai compromessi e incomprensibile.
È invece dovuta all’insistenza di alcuni attori istituzionali nel presentare proposte assurde e mostrare una totale indifferenza verso la recente scelta democratica del popolo greco, nonostante la pubblica assicurazione delle tre Istituzioni sulla concessione della necessaria flessibilità al fine di rispettare il verdetto popolare.
Cosa determina questa insistenza?
Si potrebbe innanzitutto pensare che questa insistenza è dovuta al desiderio di alcuni di non ammettere i propri errori e, invece, di ribadire le loro scelte ignorandone fallimenti.
Inoltre, non dobbiamo dimenticare che alcuni anni fa il Fondo monetario internazionale ha ammesso pubblicamente di aver sbagliato i calcoli della profondità della recessione che sarebbe derivata dal memorandum.
Tuttavia, considero questo un approccio superficiale. Semplicemente non posso credere che il futuro dell’Europa dipenda dall’ostinazione o dall’insistenza di alcuni individui.
La mia conclusione, quindi, è che la questione Greca non riguardi solo la Grecia; piuttosto, è l’epicentro di un conflitto tra due strategie diametralmente opposte riguardanti il futuro dell’unificazione europea.
La prima strategia si propone di approfondire l’unificazione europea nel contesto di uguaglianza e solidarietà tra i popoli e i cittadini.
I sostenitori di questa strategia partono dal presupposto che non si può pretendere che il nuovo governo greco segua il corso del precedente – che, non dobbiamo dimenticarlo, ha miseramente fallito. Questo assunto è il punto di partenza, perché se così non fosse, si dovrebbero abolire le elezioni nei paesi dove sono in programma. Dovremmo quindi accettare che fossero le istituzioni a nominare ministri e primi ministri, e che i cittadini fossero privati del diritto di voto fino al completamento del programma.
In altre parole, questo vorrebbe dire la completa abolizione della democrazia in Europa, la fine di ogni pretesa di democrazia e l’inizio della disintegrazione e di una inaccettabile divisione dell’Europa unita.
Ciò significherebbe l’inizio della creazione di una mostruosità tecnocratica che porterebbe a un’Europa del tutto estranea ai suoi principi fondanti.
La seconda strategia si propone proprio questo: la spaccatura e la divisione della zona euro, e quindi della UE.
Il primo passo per la realizzazione di questo obiettivo consiste nel creare una zona euro a due velocità, dove il “cuore” fisserà regole severe in tema di austerità e di adattamento e nominerà un “super” ministro delle Finanze dell’Eurozona con potere illimitato e persino la facoltà di rifiutare bilanci di Stati sovrani che non siano allineati con il neoliberismo estremo.
Per quei paesi che rifiutano di piegarsi alla nuova autorità, la soluzione sarà semplice: una punizione severa. Austerità obbligatoria. E, peggio ancora, più restrizioni ai movimenti di capitali, sanzioni disciplinari, multe e persino una moneta parallela.
A giudicare da quanto sta accadendo, sembra che questo nuovo potere europeo sia in costruzione, con la Grecia come prima vittima. Per alcuni, questo rappresenta un’occasione d’oro per fare della Grecia un caso esemplare per altri paesi che avessero in mente di non seguire questa nuova linea.
Ciò che non viene preso in considerazione è il rischio elevato e gli enormi pericoli insiti in questa seconda strategia. Che non solo rischia di essere l’inizio della fine per il progetto europeo di unificazione, trasformando la zona euro da unione monetaria ad area con tassi di cambio fissi, ma innesca anche un’incertezza economica e politica, che rischia di mutare completamente gli equilibri economici e politici in tutto l’occidente.
L’Europa è, dunque, a un bivio. A seguito delle serie concessioni fatte dal governo greco, la decisione non è ora nelle mani delle istituzioni, che in ogni caso – con l’eccezione della Commissione europea – non sono elette e non sono responsabili verso il popolo, ma piuttosto nelle mani dei leader europei.

Quale strategia prevarrà? Quella che vuole un’Europa della solidarietà, dell’uguaglianza e della democrazia, o quella che vuole rottura e divisione?
Tuttavia, se alcuni pensano o vogliono credere che tale decisione riguardi solo la Grecia, commettono un grave errore. Vorrei suggerire loro di rileggere il capolavoro di Hemingway “Per chi suona la campana”.

It’s Wrong to Keep Greece on the Gallows / È sbagliato tenere 
la Grecia sul patibolo

Article written for L’Espresso

The Russian novelist Dostoevskij, sentenced to death by the Tsarist regime, was pardoned on the gallows a moment before his execution. Only today do psychologists begin to understand the permanent effects that a similar trauma can leave on the human psyche. Imagine that it is an entire country that is sentenced and at the final moment the sentence is not reversed, but only postponed by a few weeks. Imagine two weeks later, this scene repeats itself and the countdown begins again and then again still. What kind of effects could this trauma have on the psyche of an entire nation?

It is the question we must ask ourselves after Monday’s narrow escape. Greece has paid its installment debt: 750 million to the IMF. For the thousandth time, the risk of a default was avoided. But the Eurogroup did not decide to release the last slice of aid and the minister of finances Varoufakis has already announced that the Greek government has only enough liquidity for two weeks. The catastrophe has not been avoided but postponed. The countdown begins again.

If at an individual level the shock seems to produce a sense of helplessness, which often results in depression, at a national level, it generates a dangerous mix of nationalism and extremism. At the last Greek elections, almost 50% of the voters voted for parties on the extreme right or leftwing. The radical left who prevailed had no problem in allying itself with the ultranationalist rightwing. The common objective is to reclaim national sovereignty, which had be previously sold to the detested Troika. If in Europe this new political line has alienated all the governments, in Greece it has reached peaks of consensus greater than 70%. It is unlikely the Tsiparis government will be able to backtrack, and if it does backtrack, the political consequences are unclear. Varoufakis continues to repeat that if Europe doesn’t like Syriza, it could like even less what is likely to come next, also known as the Nazis of the Golden Dawn.

This prophecy is not altogether unfounded. In Germany, Nazism affirmed itself as a reaction to the humiliations imposed to the Germans by the treaty of Versailles. War reparations created an unsustainable economic weight that deprived the Germans not only of the fruits of their own labor but also of their own dignity. Burdened by the debts and afflicted by the consequences of the Great Depression, the Germans searched for a form of revenge in Nazism. Today, the majority of historians recognize that those reparations were a mistake. Not because the Germans didn’t deserve to be paid the costs of war, which they had unleashed, but because excessive debt is counterproductive, both from an economic stand point as from a political one. From an economic standpoint, eliminating the incentives for production, an excessive debt ends up returning less money to the creditors than a more moderate one. From a political standpoint, an excessive debt limits the national sovereignty fomenting a dangerous nationalist revanchism.

Unfortunately in 2010 this lesson was not applied to Greece. Instead of renegotiating the debt (and make the imprudent creditors pay part of the cost), it was decided that all the weight would be unloaded onto the Greeks. To repay the Franco-German bank credits the money from the European Financial Stability Facility (EFSF) was used, also known as all the European contributor’s money.

This original sin makes the negotiations to resolve this Greek tragedy almost impossible. On one hand, Greece is not capable of repaying in full its own debts. On the other hand, the European countries, especially those that are most heavily indebted like Italy, cannot permit to release their credits (for Italy this would be 40 billion). In front of this impasse governments cannot see another solution other than putting off the problem from meeting to meeting, until one of the two sides will eventually act in desperation. For example, just to survive politically and save national dignity, Syriza could attempt to “sell” the Hellenic country to Russia. Political fiction? Some more of this shock therapy and the unthinkable becomes inevitable.

————————————-

Testo dell’articolo pubblicato su L’Espresso del 15.05.2015

Lo scrittore russo Dostoevskij, condannato a morte dal regime zarista, fu graziato sul patibolo, un attimo prima dell’esecuzione. Solo oggi la psicologia comincia a comprendere gli effetti permanenti che un simile trauma può avere sulla psiche umana. Immaginatevi quando ad essere condannato è un intero Paese e al momento della sentenza la condanna non viene annullata, ma solo rimandata di un paio di settimane. E due settimane dopo questa scena si ripete, e il conto alla rovescia ricomincia di nuovo, e poi di nuovo ancora. Quali effetti può avere questo trauma continuo sulla psiche di un intero popolo?

È la domanda che ci dobbiamo porre di fronte allo scampato pericolo di lunedì. La Grecia ha pagato la sua rata di debito: 750 milioni al Fondo Monetario. Per l’ennesima volta il rischio di un default è stato evitato. Ma l’Eurogruppo non ha deciso di rilasciare l’ultima tranche di aiuti e il ministro delle Finanze Varoufakis ha già annunciato che il governo greco ha liquidità sufficiente per sole due settimane. La catastrofe non è stata evitata ma solo rimandata. Il conto alla rovescia ricomincia.

Se a livello individuale gli shock sembrano produrre un senso di impotenza, che spesso sfocia nella depressione, a livello nazionale, generano un mix pericoloso di nazionalismo ed estremismo. Alle ultime elezioni greche quasi il 50 per cento degli elettori ha votato per partiti di estrema destra o sinistra. Ha prevalso la sinistra radicale, che non si è fatta problemi ad allearsi con la destra ultranazionalista. L’obiettivo comune è riprendersi la sovranità nazionale, ceduta all’odiata Troika. Se in Europa questa nuova linea politica ha alienato tutti i governi, in Grecia ha raggiunto picchi di consenso superiori al 70 per cento. Difficilmente il governo di Tsipras può indietreggiare, e se indietreggia, non sono chiare le conseguenze politiche. Varoufakis va ripetendo che se all’Europa non piace Syriza, potrebbe piacere ancora meno quello che rischia di venire dopo, ovvero i nazisti di Alba Dorata.

La profezia non è del tutto infondata. In Germania il nazismo si affermò come reazione alle umiliazioni imposte ai tedeschi dal trattato di Versailles. Le riparazioni di guerra crearono un peso economico insostenibile, che deprivava i tedeschi non solo del frutto del proprio lavoro, ma anche della propria dignità. Gravati dal debito ed afflitti dalla conseguenze della Grande Depressione, i tedeschi cercarono nel nazismo una forma di rivalsa. Oggi la maggior parte degli storici riconosce che quelle riparazioni furono un errore. Non perché i tedeschi non si meritassero di pagare i costi di una guerra che avevano scatenato, ma perché un debito eccessivo è controproducente sia da un punto di vista economico sia da un punto di vista politico. Economico perché, eliminando gli incentivi a produrre, un debito eccessivo finisce per ritornare meno soldi ai creditori di un debito più moderato. Politico perché un debito eccessivo limita la sovranità nazionale fomentando un pericoloso revanchismo nazionalista.

Purtroppo nel 2010 questa lezione non fu applicata alla Grecia. Invece di rinegoziare il debito (e far pagare parte del costo ai creditori imprudenti), si decise di scaricarne tutto il peso sui greci. Per ripagare i crediti delle banche franco-tedesche si usarono i soldi del Fondo Salva Stati europeo, ovvero i soldi di tutti i contribuenti europei.

Questo peccato originale rende le trattative per risolvere la tragedia greca pressoché impossibili. Da un lato la Grecia non è in grado di ripagare integralmente i propri debiti. Dall’altro, i Paesi europei, soprattutto quelli più fortemente indebitati come l’Italia, non possono permettersi di affrancare i loro crediti (per l’Italia sarebbero quasi 40 miliardi). Di fronte a questo impasse i governi non vedono altra soluzione che rimandare il problema di meeting in meeting. Fino a quando una delle due parti compirà un gesto disperato. Per esempio pur di sopravvivere politicamente e salvare la dignità nazionale Syriza potrebbe cercare di “vendere” il Paese ellenico alla Russia. Fantapolitica? Un altro po’ di questa terapia shock e l’impensabile diventa inevitabile.

The Troika is eroding fiscal democracy in the eurozone / La Troika sta minando la democrazia fiscale nell’eurozona

In Continental Europe asking for debt relief of insolvent countries is considered being a Communist or condoning the alleged “laziness” of Southern Europe (or both). Group-think has so much taken over the Continent, that the so-called moderates compete on who is more extremist in supporting the “Berlin Consensus”. For this reason, it is so refreshing to read a comment like the one below, written by Philippe Legrain for CAPX, one the best web sites for people who believe in free market. I feel less alone.

Nell’ Europa continentale chiedere la parziale riduzione del debito dei paesi insolventi significa ormai essere comunisti o voler condonare la presunta “pigrizia” del Sud Europa (o entrambe le cose). Il conformismo di gruppo (Group-think) ha preso così piede che i cosiddetti moderati fanno a gara a chi è più estremista nel sostenere il “Berlin Consensus”. Per questo, leggere l’articolo (in basso la traduzione Italiana) che Philippe Legrain ha scritto per CAPX – uno dei migliori siti web per chi crede nel libero mercato – è una vera e propria boccata d’aria. Mi sento meno solo.

———————————-

“Noi non cambiamo la nostra politica in base alle elezioni”, ha insistito Jyrki Katainen, vice-presidente della Commissione europea per l’occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, dopo le elezioni greche di gennaio. Il che, per quanto si possa non gradire il nuovo governo di sinistra radicale di Atene, è pur sempre una dichiarazione di un funzionario non eletto dell’UE. Che fa porre la domanda: come possono gli elettori cambiare concretamente la politica dell’eurozona? Con la rivoluzione?

Tanto più che quella politica sta evidentemente fallendo nel conseguimento degli obiettivi del mandato di Katainen: creazione di posti di lavoro, crescita e investimenti. La disoccupazione nella zona euro è dell’11,2%, più del doppio che negli Stati Uniti, e del 26% in Grecia. L’economia della zona euro continua ad essere inferiore del 2% rispetto al picco pre-crisi di inizio 2008, mentre quella della Grecia è inferiore del 26%. Gli investimenti delle imprese sono ai minimi da 20 anni in entrambi i casi. Quanto alla competitività – riduzione dei costi per promuovere le esportazioni – si tratta di un obiettivo mercantilista pervicacemente sbagliato; i governi dovrebbero piuttosto puntare ad aumentare la produttività.

La zona euro oggi è un organismo molto diverso dall’unione monetaria lanciata nel 1999 – e non solo perché è in crisi. Pur con tutti i suoi difetti, il progetto iniziale dell’unione monetaria era decentrato, in gran parte market-based e lasciava ampio spazio alla democrazia nazionale. I Governi eletti mantenevano ampia discrezionalità fiscale, purché i loro deficit non eccedessero il 3% del PIL. (All’epoca ho scritto su The Economist, che l’euro potrebbe avrebbe potuto fare completamente a meno di regole di bilancio.) Il debito pubblico era disciplinato dai mercati, con la garanzia che i governi che avevano problemi non avrebbero potuto essere salvati né dagli altri stati membri (la “clausola di non salvataggio”), né dalla BCE (il divieto di finanziamento monetario). I governi nazionali mantenevano anche la quasi totale libertà su altri aspetti di politica economica, come ad esempio sulle riforme da fare (o da non fare) e su come farle. Solo la politica monetaria era (necessariamente) centralizzata nella Banca centrale europea a Francoforte.

Ma a partire dalla crisi, l’eurozona è diventato un sistema di comando e controllo molto più centralizzato, molto meno flessibile e scarsamente democratico, diretto da Berlino, Bruxelles e Francoforte.

Il caso greco è il più estremo. Per anni, le amministrazioni greche hanno emesso troppo debito pubblico mentendo su di esso. Nel 2010, la Grecia è stata esclusa dal mercato perché gli investitori hanno finalmente capito che sarebbe stato sciocco continuare a concedere prestiti ad un governo che non avrebbe mai potuto ripagare interamente il suo debito. Se le autorità della zona euro avessero rispettato la regola del non-salvataggio del Trattato di Maastricht, la Grecia avrebbe dovuto chiedere aiuto al Fondo monetario internazionale. Il FMI avrebbe ristrutturato il debito della Grecia prima di fornire un prestito condizionale per alcuni anni per aiutarla a mettere in ordine i suoi conti, a riformare la sua economia e riguadagnare quindi l’accesso al mercato.

Ma le autorità della zona euro hanno invece deciso di far finta che la Grecia stava semplicemente attraversando difficoltà temporanee di finanziamento. Hanno quindi violato la clausola di non-salvataggio prestando al governo greco denaro dei contribuenti europei, apparentemente per motivi di solidarietà, ma in realtà, per salvare i suoi creditori, in particolare le banche francesi e tedesche. Tale catastrofica decisione ha radicalmente cambiato la natura dell’unione monetaria.

Per cinque lunghi anni, la Grecia è stato amministrata come un quasi-colonia dall’odiata Troika –  Commissione europea e BCE, insieme all’FMI. Giustamente, si potrebbe dire: se la Grecia non può prendere a prestito dai mercati e riceve invece un finanziamento UE-FMI, questi hanno il diritto di imporre condizioni sui loro prestiti. Certo, ma perché ancora oggi la Grecia non può prendere in prestito dai mercati? Perché, lo scorso anno, molto prima che l’elezione di un governo di sinistra apparisse imminente, quando il governo stava producendo un avanzo primario – un avanzo di bilancio al netto degli interessi – non poteva prendere a prestito dai mercati in maniera sostenibile, a differenza di ogni altro governo della zona euro? Dopo tutto, i suoi creditori europei insistono che è solvibile.

Perché la Grecia è ancora, di fatto, insolvente. E poiché i suoi creditori europei rifiutano di ristrutturare i suoi debiti e minacciano (illegalmente) di buttarla fuori dall’euro se dichiara default unilateralmente, la Grecia è intrappolato in una versione moderna della prigione dei debitori. Oppressa da debiti impagabili, non è in grado di tornare a crescere, riconquistare l’accesso al mercato e quindi tornare a controllare il proprio destino economico. Quindi non è di sinistra chiedere la parziale riduzione del debito per la Grecia – anche l’ex capo del FMI in Europa, Reza Moghadam, che è un uomo di sinistra così radicale che ora lavora per la banca d’affari americana Morgan Stanley, pensa che il debito debba essere dimezzato – è una necessità economica e democratica.

Il salvataggio dei creditori della Grecia e gli ulteriori prestiti a Irlanda, Portogallo e Spagna – soprattutto per salvare le banche locali, che sarebbero altrimenti state inadempienti sui prestiti ottenuti da quelle tedesche e francesi – ha fatto sì che i contribuenti del nord Europa temano di dover sostenere tutti i debiti del sud dell’Europa. Così il cancelliere tedesco, Angela Merkel, ha chiesto un maggiore controllo sui bilanci degli altri paesi – e la Commissione europea è stata più che felice di concederlo. Di conseguenza, l’intera zona euro è ormai costretta in una camicia di forza fiscale molto più stretta: regole UE più severe e fiscal compact.

Questo è economicamente non auspicabile, perché i paesi che condividono una moneta – e quindi non hanno più la propria politica monetaria o di cambio – necessitano una maggiore – non minore – flessibilità fiscale. Ed è politicamente pericolosissimo, perché ogni volta che gli elettori rifiutano un governo, come hanno fatto in quasi tutte le elezioni dopo la crisi, i funzionari dell’UE come Katainen sbucano in televisione per chiedere che il nuovo governo si attenga a politiche che gli elettori hanno appena respinto. Che funzionari lontani, a Bruxelles, non eletti e scarsamente responsabili possano negare agli elettori legittime scelte democratiche su decisioni in materia fiscale e di spesa, allontana le persone dall’UE. E se il voto per i politici tradizionali non porta al cambiamento, non ci si sorprende che si rivolgano alle ali estreme.

Come si può ripristinare la democrazia fiscale nella zona euro? Un’opzione sarebbe quella di eleggere un’autorità fiscale per l’eurozona. Ma la rabbia e la sfiducia esistenti nella zona euro sono ormai tali che i passaggi verso il federalismo democratico sono politicamente inconcepibili. Una soluzione migliore sarebbe quella di ripristinare la clausola di non salvataggio e con essa la libertà dei governi eletti di rispondere al mutare delle circostanze economiche e delle priorità politiche – obbligati dalla disponibilità dei mercati a prestare e in ultima analisi dal rischio di default. Si potrebbe creare un meccanismo di ristrutturazione del debito sovrano, mentre la BCE avrebbe il mandato di intervenire per evitare panico. Per migliorare la disciplina di mercato, dovrebbero essere riviste sia le regole di adeguatezza patrimoniale delle banche, regole che trattano assurdamente tutti i titoli di Stato come privi di rischio, sia le regole sui prestiti sulle garanzie collaterali della BCE. Una zona euro più flessibile, decentrata e democratica, che ripristini la libertà politica dei governi, che si affidi alle regole dei mercati, e non alle decisioni arbitrarie di Berlino e Bruxelles, sarebbe molto meglio per tutti.

Spogliare gli elettori del diritto di fare legittime scelte economiche e politiche è insostenibile. E come dimostra la storia tragica della Repubblica di Weimar, l’imposizione di insopportabili pagamenti agli odiati creditori stranieri porta all’estremismo politico. Martin Wolf del Financial Times ha osservato che la zona euro è destinata ad essere una unione delle democrazie, non un impero. Katainen e altri funzionari della zona euro dovrebbero tenerlo a mente.

Philippe Legrain, che è stato consigliere economico del Presidente della Commissione europea dal 2011 al 2014, è visiting senior fellow dello European Institute della London School of Economics e l’autore diEuropean Spring: Why Our Economies and Politics Are in a Mess — and How to Put Them Right”.

———————————-

“We don’t change our policy according to elections,” insisted Jyrki Katainen, vice-president of the European Commission for jobs, growth, investment and competitiveness, after the Greek elections in January. Which, however much you may dislike the new radical-left government in Athens, is quite a statement for an unelected EU official. And which begs the question: how can voters actually change eurozone policy? Revolution?

Especially since that policy is conspicuously failing to deliver Katainen’s mandate of jobs, growth and investment. Unemployment in the eurozone is 11.2%, more than twice the rate in the United States, and 26% in Greece. The eurozone economy is still 2% smaller than its pre-crisis peak in early 2008, while Greece’s is down by 26%. Business investment is at a 20-year low in both cases. As for competitiveness – cutting costs to promote exports – it’s a wrong-headed, mercantilist objective; governments should instead aim to boost productivity.

The eurozone today is a very different beast to the monetary union that was launched in 1999 – and not just because it’s in crisis. For all its flaws, the initial design of the currency union was decentralised and largely market-based, allowing plenty of scope for national democracy. Elected governments retained ample fiscal discretion, provided their deficits did not exceed 3% of GDP. (Writing for The Economist at the time, we argued that the euro could do without fiscal rules altogether.) Government borrowing was to be disciplined by markets, with the safeguards that governments that got into trouble could be bailed out neither by their peers (the “no-bailout rule”), nor by the ECB (the ban on monetary financing). National governments also retained almost full freedom over other aspects of economic policy, such as which reforms they did (or didn’t do) and how they went about them. Only monetary policy was (necessarily) set centrally, by the European Central Bank in Frankfurt.

But since the crisis, the eurozone has become a much more centralised, much less flexible and scarcely democratic command-and-control system run from Berlin, Brussels and Frankfurt.

The Greek case is most extreme. For years, successive Greek administrations borrowed too much and lied about it. In 2010, Greece was cut off from the markets because investors finally realised that it would be foolish to continue lending to a government whose debts were so huge that it would be unable to pay them back in full. Had eurozone authorities respected the Maastricht Treaty’s no-bailout rule, Greece would then have had to seek help from the International Monetary Fund. The IMF would have restructured Greece’s debts before providing a conditional loan for a few years to tide it over until it put its public finances in order, reformed its economy and regained market access.

But instead eurozone authorities decided to pretend that Greece was merely going through temporary funding difficulties. They then breached the no-bailout rule by lending the Greek government European taxpayers’ money, ostensibly out of solidarity but actually in order to bail out its creditors, notably French and German banks. That catastrophic decision fundamentally changed the nature of the monetary union.

For five long years, Greece has been administered as a quasi-colony by the hated Troika – the European Commission and the ECB, together with the IMF. Fair enough, you might say: if Greece can’t borrow from markets and relies instead on EU-IMF funding, they have a right to impose conditions on their loans. Yes, indeed, but why even now can’t Greece borrow from markets? Why, last year, long before the election of a left-wing government seemed imminent, when the government was running a primary surplus – a budget surplus excluding interest payments – couldn’t it borrow on a sustainable basis from markets, unlike every other eurozone government? After all, its EU creditors insist it is solvent.

Because Greece is still, in fact, insolvent. And because its EU creditors refuse to restructure its debts, and threaten (illegally) to force it out of the euro if it defaults unilaterally, it is trapped in a modern-day debtors’ prison. Weighed down by unpayable debts, it is unable to recover, unable to regain market access and thus unable to restore control over its economic destiny. So it’s not left-wing to demand debt relief for Greece –even the IMF’s former Europe chief, Reza Moghadam, who is such a radical leftist that he now works for the American investment bank Morgan Stanley, thinks its debt needs to be halved – it’s an economic and democratic necessity.

The bailout of Greece’s creditors and the subsequent loans to Ireland, Portugal and Spain – primarily to bail out local banks which would have otherwise defaulted on their borrowing from German and French ones – made northern European taxpayers fear that they would end up liable for all of southern Europe’s debts. So Germany’s Chancellor, Angela Merkel, demanded much greater control over other countries’ budgets – and the European Commission was only too delighted to oblige. As a result, the eurozone as a whole is now bound by a much tighter fiscal straightjacket: more stringent EU rules as well as the fiscal compact.

This is economically undesirable, because countries that share a currency – and so no longer have their own monetary policy or exchange rate – need greater fiscal flexibility, not less. And it’s politically poisonous, because whenever voters reject a government, as they have done at nearly every election since the crisis, EU officials such as Katainen pop up on television to demand that the new government stick to policies that voters have just rejected. That remote, unelected and scarcely accountable officials in Brussels should deny voters legitimate democratic choices about tax and spending decisions alienates people from the EU. And if voting for mainstream politicians doesn’t lead to change, it’s no surprise they turn to the extremes.

How could fiscal democracy in the eurozone be restored? One option would be to create an elected eurozone fiscal authority. But such is the anger and mistrust that now exists in the eurozone that steps toward democratic federalism are politically inconceivable. A better option would be to restore the no-bailout rule and with it elected governments’ freedom to respond to changing economic circumstances and political priorities – constrained by markets’ willingness to lend and ultimately by the risk of default. A mechanism for restructuring sovereign debt could be created, while the ECB would be mandated to step in to prevent panics. To enhance market discipline, bank capital-adequacy rules that ludicrously treat all government bonds as risk-free should be revised, as should the ECB’s collateral-lending rules. A more flexible, decentralised and democratic eurozone that restores governments’ policy freedom, while relying on markets, not arbitrary decisions by Berlin and Brussels, for discipline would be much better for everyone.

Stripping voters of the right to make legitimate economic and political choices is unsustainable. And as Weimar Germany’s tragic history shows, the imposition of unbearable payments to hated foreign creditors leads to political extremism. Martin Wolf of the Financial Times has observed that the eurozone is meant to be a union of democracies, not an empire. Katainen and other eurozone officials should remember that.

Philippe Legrain, who was economic adviser to the President of the European Commission from 2011 to 2014, is a visiting senior fellow at the London School of Economics’ European Institute and the author of European Spring: Why Our Economies and Politics Are in a Mess — and How to Put Them Right.

Greece: the X hour is awfully close / Grecia: l’ora X è estremamente vicina

According to the Frankfurter Allgemeine Sonntagszeitung Greece has money available only until April 8. Whether true or not, the news is frightening and can only exacerbate the anxiety of Greek depositors. According to Barclays last Wednesday alone Greek depositors have moved 300 million euro out of Greek banks. For this reason, Barclays indicates as increasingly likely the possibility of a deposit freeze and a block to capital movements: what Cyprus did in 2013. Unfortunately, all these news make a bank run all but inevitable.
A deposit freeze will only delay the run at the cost of an enormous loss of credibility and popularity of the Greek government. The time-old strategy in this situation is to blame the foreigners and the rich speculators. At this point, however, the rich speculators are likely to have moved their money out of the country months ago. The depositors moving their money now are likely to be ordinary Greeks who cannot afford to take the risk to see their savings devalued by 40 or 50%. Who can blame them? Yet, their actions help precipitate the situation. Hence, only the foreigners can be blamed. But blame will not be enough to grant consensus to the government. Hence the government will have to take some bold actions to show Greece has regained sovereignty and that it can start growing again. The introduction of a new currency is the most likely step.

Two only actions can save Greece at this moment: 1) an enlargement of the Emergency Liquidity Assistance of the European Central Bank; 2) an anticipated release of the last tranche promised by the EU. Neither Frankfurt nor Brussels seem too keen to take the necessary step. They do not want to lose face. It looks like nobody wants to have the fingerprints on the gun shooting Greece, but nobody wants to prevent the gun from shooting.
Tomorrow there is a crucial meeting between Angela Merkel and Alexis Tsipras, one of the last changes duck the bullet. Yet, it would require Angela Merkel to act against her own electoral interests, something very difficult for any politician to do. If the “accidental” shot is fired, a radicalization of Syriza and Greece on very anticapitalist and anti European positions will be inevitable. We will have all Europe to thank.

—————————-

Secondo la Frankfurter Allgemeine Sonntagszeitung la Grecia ha liquidità sufficiente solo fino all’8 aprile. Vera o no che sia, la notizia è terrificante e può aggravare l’ansia dei correntisti greci. Secondo Barclays, solo mercoledì scorso dalle banche greche sono stati trasferiti all’estero 300.000.000 (trecento milioni) di euro. Per questo motivo, Barclays indica come sempre più probabile la possibilità di un congelamento dei depositi e un blocco dei movimenti di capitali: come ha fatto Cipro nel 2013. Purtroppo, tutte queste notizie rendono una corsa agli sportelli tutt’altro che evitabile.
Un congelamento dei depositi riuscirà solo a ritardare la corsa al costo di una enorme perdita di credibilità e popolarità del governo greco. In questa situazione è un classico dare la colpa agli stranieri e ai ricchi speculatori. A questo punto, però, i ricchi speculatori hanno probabilmente spostato i loro soldi fuori dal paese mesi fa. I correntisti che spostano i loro soldi ora sono probabilmente normali risparmiatori greci che non possono permettersi di correre il rischio di vedere i propri risparmi svalutati del 40 o 50%. Chi può biasimarli? Tuttavia, le loro azioni contribuiscono a far precipitare la situazione. Quindi, la colpa sarà data agli stranieri, ma ciò non basterà a dare al governo il consenso di cui ha bisogno. Tsipras dovrà perciò prendere alcune decisioni coraggiose per dimostrare che la Grecia ha riacquistato la sovranità e che potrà tornare a crescere. L’introduzione di una nuova moneta è la decisione più probabile.

Due sole azioni possono salvare la Grecia in questo momento: 1) un ampliamento dell’erogazione di liquidità di emergenza (ELA) della Banca centrale europea; 2) un rilascio anticipato dell’ultima tranche di aiuti promessa dall’UE. Né Francoforte né Bruxelles sembrano troppo entusiasti di fare il passo necessario. Non vogliono perdere la faccia. Sembra che nessuno voglia lasciare le impronte digitali sulla pistola da cui partirà il colpo contro la Grecia, ma anche che nessuno voglia davvero evitare che la pistola spari.
Domani c’è un incontro cruciale tra Angela Merkel e Alexis Tsipras, una delle ultime occasioni per evitare che parta il colpo. Tuttavia, ciò richiederebbe che Angela Merkel agisse contro i propri interessi elettorali, cosa molto difficile da fare per qualsiasi politico. Se il colpo “accidentale” parte, una radicalizzazione di Syriza e della Grecia su posizioni molto anticapitaliste ed antieuropee sarà inevitabile.
Potremo ringraziare tutta l’Europa per questo.

Of grasshoppers and ants: the false rhetoric of the Greek tragedy. My 2013 views still valid today

Article written for Project Syndicate in 2013

Overcoming the European Union’s current economic malaise, as almost everyone acknowledges, requires deeper integration, with the first step taking the form of a banking union supervised by the European Central Bank. But Europe’s banking union also requires uniform rules for winding up insolvent financial institutions – and this has become a sticking point.
Germany opposes the new bank-resolution mechanism proposed by the European Commission, generating moral and political support at home by portraying its stance as an effort to protect German taxpayers: Why should the German ants pay for the southern European grasshoppers? In fact, Germany’s position is a ploy to hide its anticompetitive behavior, whereby the government subsidizes German banks and industry at the expense of everyone else – including German taxpayers.

Europe’s common market has been the single greatest success of post-World War II European policy, boosting economic growth and fostering cultural interchange. But a common market requires a level playing field, and the European Commission has worked hard to achieve this in many sectors over the years.
Until now, the main exception was banking. The emerging banking union is not only the first step toward a European fiscal union; it is also the final step toward completing the European common market. Without a common resolution mechanism that levels the playing field, the common market will remain unfinished.
In principle, the EU’s banking rules are common to all member states. In practice, their implementation was, until recently, left to national regulators, who applied very different standards. Most important, while state subsidies in all other sectors are forbidden, they are commonly accepted in banking – not only explicit subsidies, such as Germany’s bailout of several Landesbanks after the American subprime-mortgage crisis, but implicit subsidies as well. Some French banks’ traders openly boast of backing by the French government, which will never let its banks fail.
Unfortunately, this is not just a French or a German problem. All market players know that EU governments will not let big banks fail. This implicit subsidy not only costs each country’s taxpayers billions of euros; it also distorts competition, because not all implicit subsidies are created equal. Regardless of its fundamentals, a German bank would be considered safer than an Italian one, because the German government’s implicit guarantee is much more valuable than the Italian government’s.
As a result, German banks have a lower cost of funding and – all else being equal – higher profitability. To the extent that some of the lower cost is rebated to their clients, even industrial firms in Germany enjoy a lower cost of capital, giving them an unfair advantage vis-à-vis their European competitors.
One way to prevent this distortion would be to create a mechanism to bail out all banks with European money. But this approach would not only leave German taxpayers on the hook; it would also create perverse incentives in the entire European banking system, maximizing instability.
The preferred alternative is to create a common resolution mechanism, which would apply throughout Europe, regardless of a bank’s country of origin. Such a mechanism would prevent the need for government intervention.
The recent proposal by Michel Barnier, the European Commissioner for the Internal Market and Services, is an effort to implement this solution. It provides a common resolution mechanism for all banks in Europe, which forces losses to be absorbed by shareholders, bondholders, and large depositors before any government money is committed. To provide short-term financing to a bank during any restructuring, the Commission’s plan would create a European Fund, putting all banks on an equal footing.
The Commission’s proposal is far from perfect. After a bank’s shareholders are wiped out and its creditors take an 8% “haircut,” the European Fund transforms itself into a bailout fund, justifying some of Germany’s fears. And there is no explicit prohibition of some form of national government bailout.
Even so, the proposal is a step in the right direction. German criticism should be directed at improving it, not at sandbagging it.
German taxpayers have paid dearly for German banks’ mistakes. In 2008, when the Landesbanks were found to be full of American subprime mortgages, the German government bailed them out with a €500 billion ($650 billion) rescue package at its taxpayers’ expense. In 2010, when German banks were badly over-exposed – to the tune of $704 billion – to Greece, Ireland, Italy, Portugal, and Spain, European taxpayers and the ECB helped them to bring most of that money home. The biggest threat to German taxpayers is not southern European profligacy, but their own country’s banks.
In this sense, the banking union is not a scheme to burden German taxpayers with the losses of failed southern European banks; rather, it is a mechanism to render all banks (including German ones) accountable for their own mistakes, thereby reducing the burden that they impose on domestic taxpayers. It is about time that German voters understood that the largest grasshoppers are in the center of their own towns.

Why Europe Needs U.S. Leadership / All’Europa serve Obama per salvare la Grecia

Traduzione inglese dell’articolo pubblicato su Il Sole 24 Ore di oggi

Europe is on the brink. Like 101 years ago, it all started in the Balkans. Like 101 years ago nobody wants to escalate the tension, but everybody is afraid to lose face. Like 101 years ago all the players have much to lose from not cooperating, but the fear of being caught off guard makes everybody unwilling to cooperate.

We know what happened 101 years ago. A war that could have been avoided, a war that cost the European continent 16 million lives and even more human suffering, a war that set the premises for the rise of Nazism and a second devastating world war. Fortunately, the risk today is not a war, but the implosion of the Eurozone. An implosion that many in the United States see as inevitable and so are resigned to witness on the side line.

While the break out of the euro might be inevitable, the way we arrive to this outcome is more important than the outcome itself. If instead of an orderly process, we arrive to a sudden break up, among recriminations of the various sides, at risk is not just the common currency project, but the European Union and even peace and democracy in Europe. The rise of xenophobic and extremist parties throughout the European continent is an example of the risk such an explosion entails.

In Greek tragedies, when the characters were faced with an impossible task to resolve, it was brought to the scene a deus ex machina, literally a divine character descending on stage thanks to some theatrical machine. The modern Greek drama, unfolding in front of our eyes, is desperately needing a deus ex machina too, an outside party able to reconcile the differences among the various players and bring them to reason.

Even without resorting to divine intervention, this role could be played by the United States. But why should it?

After the failure of the interventions in Afghanistan and Iraq, America is an increasing flirting with isolationism. Why to spend resources, even if only time and energy of U.S. diplomats, to deal with “internal” problems of foreign countries? And even if we wanted to do so, why to waste those resources in old Europe, when the future is in Asia and possibly in Africa?

It would be a double mistake.
While the economic future of the United States may well be Asia and Africa, its present is still very much linked to Europe. It would be very difficult for the United States to escape the economic consequences of a an abrupt break-up of the euro. The last thing the U.S. economy needs right now is a negative shock from abroad. But it would be a political mistake as well. With the Ukrainian crisis in full swing, the United States cannot tolerate a Greek-Russia “entente cordial” with an anti-European (and anti-American) purpose. Yet, if there is no alternative to save its face, the new Greek government will easily end up in Russian arms.

Can the United States make a difference? The answer is clearly affirmative.
Today, Europe is in a catch-22 between a new Greek government, which has staked all its reputation on a renegotiation of the Troika’s diktats, and a German and European establishment, which cannot afford to bend at all or they will irremediably undermine the economic reforms achieved so far. In this situation an intermediary, willing to defend the German principles, while at the same time facilitating a softening of the Troika’s effective economic stand (possibly easing the process with some small subsidies) can go a great deal towards brokering a deal. Being the winning nation who had the foresight to forgive the defeated country’s debt, the United States has also the moral standing to play that role.

In the last few days President Obama has finally spoken on the issue. But rather than public statements, what the United States would need is a reliable team of negotiators on the ground, working behind the scene. People of talents for such a job do not lack. What is lacking is the political will to take on a fight we can lose. But such will is necessary if we want to prevent that the current Greek drama degenerate into a world tragedy.

————————————–

L’Europa è sull’orlo della crisi. Come 101 anni fa, tutto è cominciato nei Balcani. Come 101 anni fa nessuno vuole inasprire la tensione, ma tutti hanno paura di perdere la faccia. Come 101 anni fa, hanno tutti tanto da perdere se non collaboreranno, ma la paura di essere presi alla sprovvista fa sì che nessuno sia disposto a collaborare. Noi sappiamo cosa è successo 101 anni fa.
Continua a leggere sul sito de Il Sole 24 Ore

A High Stake Greek Roulette / Roulette Greca ad Alto Rischio

According to the most accredited historians, the explosion of World War I was not inevitable. It was a tragic mistake of an escalation game, where nobody wanted to pull the trigger, but nobody wanted to lose face. We know the outcome.

Unfortunately, the game of chicken between the European Central Bank (ECB) and the Greek government looks scarily similar. On the one hand, the new Greek government does not want to exit the euro, but it plays tough to increase its bargaining power. On the other hand, the European Central Bank does not want a breakdown in negotiations, but it is pressured by the German Bundesbank to be tougher and it is terrorized of giving the wrong signal to the other Southern European countries (read Italy).

The pressure created by the Bundesbank cannot be underestimated.
The Bundesbank’s legal department continuously challenges the ECB decisions. It even challenges the single council members, reminding them that if they lend without the proper guarantees, they can be considered personally liable.
Italy’s shadow is always present in every decision. Saturday ECB Vice President Vitor Constâncio said that if a nation has ratings below investment grade, “then a waiver is granted provided that the country is under a program” and that “there will be no surprises if we find out that a country is below that rating and there’s no longer a program that that waiver disappears.” He was not talking just to Greece. As I mentioned in my previous blog post, he was talking to Italy.

The ECB move is more important for its political message than for its consequences. Economically the decision involves only a minor increase in the Greek banks’ cost of borrowing. In fact, at the moment Greek banks can refinance themselves with the Emergency Liquidity Assistance, a program run by the Central Bank of Greece. But this option may be cut out by the ECB on the 18th.
More importantly, Draghi’s decision shows that the ECB is not afraid to play hard ball with Greece. It is not even afraid to pull the trigger, if pushed with the shoulder against the wall. It is a reasonable reaction to preserve the credibility of the institution. But it runs the risk of putting the new Greek government with the shoulders against the wall. The proposal unveiled by Varoufakis in London was incredibly reasonable. So Syriza was trying to find a reasonable compromise. But it cannot accept to lose face with any of the Troika’s players: it would lead to an electoral defeat. Thus, the ECB move can escalate the fight.

If I were to bet, I would bet that Tsipras and Varoufakis prefer to pull Greece out of the euro than to lose their face in front of the ECB. I hope I will not have to find out.

——————————–

Secondo gli storici più accreditati, lo scoppio della prima guerra mondiale non era inevitabile. È stato un tragico errore di valutazione in un gioco di escalation, dove nessuno voleva premere il grilletto, ma allo stesso tempo nessuno voleva perdere la faccia. Sappiamo come è andata a finire.

Purtroppo, il braccio di ferro tra la Banca centrale europea (BCE) e il governo greco sembra spaventosamente simile. Da un lato, il nuovo governo greco non vuole uscire dall’euro, ma gioca duro per aumentare il suo potere contrattuale. D’altra parte, la Banca centrale europea non vuole una rottura dei negoziati, ma è costantemente pressata dalla Bundesbank tedesca ad essere più rigorosa e ha il terrore di dare un segnale sbagliato agli altri paesi dell’Europa meridionale (leggi Italia).

La pressione esercitata dalla Bundesbank non può essere sottovalutata.
L’ufficio legale della Bundesbank sottopone a un vaglio minuzioso ogni singola decisione della BCE. E fa pressione persino sui singoli membri del consiglio, ricordando loro che se effettuano trasferimenti senza le adeguate garanzie, possono essere considerati personalmente responsabili.
Dietro ogni decisione si intravede sempre l’ombra dell’Italia. Sabato scorso, il vicepresidente BCE Vítor Constâncio ha detto che se una nazione ha un rating inferiore all’ “investment grade”, può ottenere una deroga a condizione che il paese sia sotto un programma” e che “non ci saranno sorprese, se scopriremo che un paese ha un rating inferiore e non c’è un programma quella deroga scompare”. Constâncio non stava parlando solo alla Grecia. Come ho detto in un precedente post, stava parlando all’Italia.
La mossa della BCE è più importante per il suo messaggio politico che per le sue conseguenze. Economicamente la decisione comporta solo un minore aumento del costo di finanziamento delle banche greche. In realtà, in questo momento le banche greche possono rifinanziarsi con l’Emergency Liquidity Assistance (ELA), un programma gestito dalla Banca centrale greca. Ma questa opzione può essere eliminata dalla BCE il 18.

Ancora più importante, la decisione di Draghi dimostra che la BCE non solo non ha paura di giocar duro con la Grecia, ma non ha neanche paura di premere il grilletto se messa con le spalle ail muro. Si tratta di una reazione ragionevole per preservare la credibilità dell’istituzione. Tuttavia si corre il rischio di mettere con le spalle al muro il nuovo governo greco.
La proposta esposta da Varoufakis a Londra era incredibilmente ragionevole. In questo modo Syriza stava cercando di trovare un compromesso ragionevole. Ma non può accettare di perdere la faccia con uno dei giocatori della troika: ciò porterebbe a una sconfitta elettorale.
Così, la mossa della BCE può far degenerare una situazione già pericolosa.

Se dovessi scommettere, direi che Tsipras e Varoufakis preferiscono far uscire la Grecia dall’euro piuttosto che perdere la faccia di fronte alla BCE. Spero di non doverlo scoprire.