Interesse nazionale o pretesto per distorcere le regole a favore di qualche giocatore (nostrano)?

La mia risposta a Il Foglio sulla questione dell'”Italianità” e “difesa degli asset strategici” dagli stranieri.

Bisogna ricordare che l’entrata degli investitori stranieri non danneggia gli operai né l’economia in generale, ma danneggia una piccola fetta dell’establishment locale 

Possiamo dire che in generale i sostenitori del libero mercato si dividono in due categorie, quelli che lo fanno perché pensano che la competizione produca risultati migliori e quelli che lo fanno perché a loro conviene in quel momento. Non stupisce quindi che personalità considerate come paladini del mercato cambino idea e si riscoprano difensori dell’italianità: fanno parte della seconda categoria. In risposta alle mie critiche sul Sole 24 ore rispetto alla sua difesa di Mediaset dallo “straniero”, il ministro Calenda mi ha definito “liberista ideologico” ma io non definisco ideologica una convinzione basata su centinaia di studi empirici che dimostrano la superiorità si un sistema competitivo. Se in Italia abbiamo paura della competizione è anche perché il nostro Paese attrae i peggiori capitalisti di tutto il mondo. Dovremmo domandarci perché questo succede. Allora ci renderemmo conto che il motivo è un sistema di regole che è stato creato così per permettere ai nostri imprenditori di fare porcherie. Abbiamo cioè creato un sistema che fa una selezione avversa e attira il peggio del peggio, ma questo è un problema di regole nostre non di nazionalità dell’investitore. Non bisogna aver paura solo quando c’è il rischio che a fare le cose sbagliate sia Bolloré, bisogna essere preoccupati per le regole sbagliate che, consentono a lui come a qualsiasi altro imprenditore, di farle. Non ho alcuna stima del signor Bolloré, ma penso che non debba essere trattato in maniera diversa rispetto a un signor Berlusconi o un signor Tronchetti Provera. Se viviamo in un mercato comune e ci riteniamo cittadini europei, la legge deve essere uguale per tutti ed è particolarmente grave che discorsi opposti vengano fatti da un partito che si definisce europeista.

Diciamo la verità, quando si parla di “italianità” e “difesa degli asset strategici” dagli stranieri bisogna ricordare che l’entrata degli stranieri non danneggia gli operai né l’economia in generale, ma danneggia una piccola fetta dell’establishment locale. È quello stesso establishment locale, che ha un forte accesso ai media, che ha difeso a tutti i costi la “senesità” e del Monte dei Paschi, con i risultati che abbiamo visto. Ciò non vuol dire che non esista l’“interesse nazionale”. Ma questa formula rischia di diventare un pretesto per fare lobby e influenzare le regole a favore di qualche giocatore nostrano. Sbandierare la difesa dell’interesse nazionale è tipico di una visione del mondo in cui le regole sono pensate ad personam e non nell’interesse generale. Chi sostiene questa visione implicitamente auspica che le regole siano distorte a vantaggio degli operatori nazionali. È un pessimo segnale. È il segnale che le leggi ad personam non sono solo una caratteristica dei governi di Berlusconi, ma sono endemiche nel nostro Paese.

Un pensiero su “Interesse nazionale o pretesto per distorcere le regole a favore di qualche giocatore (nostrano)?

  1. Ma partendo dalla “Commedia” transitando dalle “Prediche inutili” pur finendo con “Europa o no” rimaniamo “…non donna di province, ma bordello!”. Senza offesa per quelli sì onesti di felliniana memoria.
    A.Giuliano – Cuneo

    Mi piace

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...