A Washington, nelle stanze del potere, gira un manoscritto anonimo sulla crisi dell’eurozona da cui si capisce che …

Viene presentato come un pezzo di un libro di storia economica scritto nel 2050.  In fondo trovate una traduzione approssimativa. Enjoy!

This chapter is on the so-called euro crisis, which started in Europe in the late 2000s.

We wrote this chapter not so much because the crisis was economically important (even though at the time – about 40 years ago – Europe’s GDP accounted for about 1/4 of world GDP) but because it is revealing of the prevailing schools of thoughts in that troubled period.

The crisis officially started in the fall 2009 when the newly elected government of Greece, a country belonging to the euro area at that time, announced that the fiscal deficit was much higher than expected. The world reacted in disbelief but after few months in the spring 2010 Greece had a “bail-out.” In the jargon of that time a “bail-out” happens when a new creditor lends to a debtor to pay old creditors. The idea prevalent at the time was that the new creditors (IFI) had better ways to get repaid than the old creditor by solving coordination problems and by imposing so-called conditionalities. Cynics however remarked that bail-outs were only a cheap way for the imprudent old (private) creditors to socialize ex-post their losses.  This historical aside is now anyway of less importance given what happened after the great IFI reform of 2016.

The Greek crisis was only the opening salvo of a complicated saga for the history of ideas.

There were three basic explanations of the crisis. Each explanation played a role in different phases of the crisis. The richness of competing theories also reflects the limited understanding of the causes and possible solutions during that period. It is a reminder on how the economic profession and policy making were still dictated by preferences and prejudices rather than by sound principles as after the conceptual break-throughs of the 2020s.

Explanation 1 . Schuld

According to this explanation the debtor countries accumulated too much debt because they were lazy and enjoyed good life on the account of hard working Northern Europeans. What is worse, the Southerners even cheated and systematically misreported their deficits as Greece showed so blatantly.

The logical solution to this diagnosis was to make sure that the Greeks would suffer for years, showing to the other Southerners the inevitable pains after excessive debt accumulation. That may now seem bizarre and illogical to modern thinking but we should not forget that the 2000s still showed signs of medieval times ( these policies were decided after all in late night ritual meetings in Brussels ).

In nomen omen. The most philologically-oriented readers should note that in German the word “Schuld” means both debt and guilt (in nomen omen) and this first explanation had nothing to do with sound economic reasoning but explains the jerk reaction when the crisis started.

Explanation 2. Multiple equilibria

After the Greek crisis in 2010 , the crisis gradually expanded to other countries. In the summer 2011 it arrived to Italy. This created a big problem because Italy required too many resources to be bailed out. At the same time Berlusconi, who was ruling Italy at the time, had no Schuld and had no intention to redeem himself or the country. Unfortunately, Italy at the time was considered too big too fail so what to do? Everybody thought that the euro are was at the end but …

Resourceful economists came out with the idea of applying the old concept of multiple equilibria to the European debt crisis. The idea was like this : Italy had lived for years with high debt because of low interest rates made the debt sustainable ; now debt was unsustainable because interest rate was too high. We make the markets move to the good equilibrium. To do this job the two super Marios were hired who invented OMT and pretended to do structural reforms. Unfortunately Once the job was done one super Mario was fired by the voters.

Critics again said that the multiple equilibria explanation was a self-serving trick- an explanation a la carte. May be this is true but so what? It worked

Explanation 3. Debt overhang

As the crisis extended again within the Mediterranean sea it became more complicated to play the multiple equilibria story. It was difficult to argue that the problems of the graceful island of Cyprus was multiple equilibria (especially  because German newspapers started making a lot of noise about bailing out Russia oligarchs). Difficult negotiations took place in Nicosia (as the capital Yeni Erzerum was known before reunification).

Older economists who had worked in the South American crisis in the 80s reminded younger economists of the problem of debt overhang and its effect on growth. This was a well known problem before the crisis but had been forgotten in the religious debate between “Schuld-supporters” and “multiple-equilibrium supporters.” Culturally it was considered improper to suggest that European countries in 2000s could have similar problems as Latin America 20 years before. However, after a deep psychological travail and long euro group meeting the conclusion was reached that bail-in was the only solution . Greece started with public debt restructuring and Cyprus followed with banks.

This was before the fateful summer of 2014 when the crisis changed course once again. For the first time ..

Traduzione

Questo capitolo è dedicato alla cosiddetta crisi dell’euro , iniziata in Europa alla fine della prima decade degli anni 2000 .

Abbiamo scritto questo capitolo, non tanto perché la crisi fu economicamente importante (anche se all’epoca – circa 40 anni fa – PIL europeo rappresentavano circa 1/4 del PIL mondiale ), ma perché è rivelatore delle scuole di pensiero prevalenti in quel travagliato periodo .

La crisi inizio’ ufficialmente nell’ autunno 2009, quando il nuovo governo della Grecia, un paese all’epoca appartenente all’area dell’euro , annuncio’ che il disavanzo di bilancio era molto più alto del previsto. Il mondo reagi’ incredulo , ma dopo pochi mesi, nella primavera del 2010, la Grecia ottenne un ” bail – out “. Nel gergo di quel tempo un ” bail- out” si verifica quando un nuovo creditore presta ad un debitore i fondi per pagare i vecchi creditori. L’ idea prevalente all’epoca era che i nuovi creditori ( FMI ) hanno modi migliori per farsi rimborsare rispetto ai vecchi creditori, risolvendo i problemi di coordinamento e imponendo le cosiddette condizionalità . I cinici tuttavia osservarono che i salvataggi sono stati solo un modo  per i vecchi creditori ( privati) imprudenti di socializzare ex-post le loro perdite . Questa parte storica è ora comunque di minore importanza dopo la grande riforma FMI nel 2016 .

La crisi greca è stata solo l’inizio di una saga complessa per la storia delle idee.

C’erano tre spiegazioni della crisi . Ogni spiegazione ha giocato un ruolo nelle diverse fasi della crisi . La ricchezza delle teorie in competizione riflette anche la limitata comprensione in quel periodo delle cause e delle possibili soluzioni. Si tratta di un promemoria su come la professione economica era ancora influenzata da preferenze e pregiudizi , piuttosto che da principi sani come dopo i breakthrough concettuali del 2020 .

Spiegazione 1 . Schuld

Secondo questa spiegazione i paesi debitori avevano accumulato troppo debito perché erano pigri e avevano goduto della bella vita a spese del duro lavoro dei nordeuropei . Quel che è peggio , i meridionali avevano anche truffato e sistematicamente falsato i loro deficit come la Grecia ha dimostrato in modo così evidente .

La soluzione logica a questa diagnosi era di assicurarsi che i greci soffrissero per anni , mostrando agli altri meridionali i dolori inevitabili prodotti da un eccessivo accumulo di debito . Questa tesi puo’ sembrare bizzarra e illogica oggi alla luce delle moderne teorie,  ma non dobbiamo dimenticare che  i primi anni 2000 mostravano ancora le vestigia dei un epoca medioevale (dopo tutto queste politiche venivano  decise in  incontri rituali a Bruxelles nel colmo della notte) .

In nomen omen . I lettori più filologicamente orientati dovrebbero notare che in tedesco la parola ” Schuld ” significa sia debito che senso di colpa (in nomen omen ) e questa prima spiegazione non aveva nulla a che fare con il ragionamento economico, ma spiega la reazione istintiva quando la crisi inizio’ .

Spiegazione 2 . Equilibri multipli

Dopo la Grecia , nel 2010  la crisi si estese gradualmente  ad altri paesi. Nell’ estate 2011 arrivo’ in Italia . Questo creo’ un grosso problema perché l’Italia richiedeva troppe risorse per essere salvata . Al tempo stesso Berlusconi, che all’epoca governava l’Italia , non aveva Schuld e non aveva intenzione di riscattare se stesso o il paese . Purtroppo , all’epoca l’Italia era considerata troppo grande troppo per fallire,  quindi cosa fare ? Tutti pensavano che l’euro era giunto alla fine , ma …

Gli ingegnosi economisti vennero fuori con l’idea di applicare il vecchio concetto di equilibri multipli alla crisi del debito europea. L’idea era così: l’Italia aveva vissuto per anni con un elevato debito, reso  sostenibile dai bassi tassi di interesse.  Al momento della crisi il debito divenne insostenibile a causa dei tassi di interesse troppo elevati. L’idea are quindi di muovere i mercati verso  l’equilibrio buono . Per fare questo lavoro furono assunti i due super Marios: inventarono l’ OMT e fecero finta di fare le riforme strutturali . Purtroppo una volta che il lavoro fu fatto, un Super Mario fu  licenziato dagli elettori .

I critici ancora una volta dissero che la spiegazione degli equilibri multipli era un trucco molto self-serving – una spiegazione ad hoc. Questo può essere è vero, ma che importa? Ha funzionato.

Spiegazione 3 . Il peso del debito

Come la crisi si estese nuovamente nel mare Mediterraneo divento’ più complicato raccontare la storia degli equilibri multipli . Era difficile sostenere che il problema della  graziosa isola  di Cipro era solo uno di equilibri multipli ( soprattutto perché i giornali tedeschi iniziarono a far una gran confusione sul  salvataggio degli oligarchi Russi ) . Difficili negoziati si svolsero a Nicosia ( come la capitale Yeni Erzerum era conosciuta prima della riunificazione ) .

Economisti più anziani, che avevano lavorato alla crisi Sudamericana negli anni ’80, ricordavano agli  economisti più giovani il problema del peso del debito e il suo effetto sulla crescita . Questo era un problema ben noto prima della crisi , ma era stato dimenticato nel dibattito religioso tra “i sostenitori del  Schuld”  e i ” sostenitori degli equilibri multipli . ” Culturalmente si ritenne improprio suggerire che i paesi europei nel 2000 potessero avere problemi simili a quelli dell’ America Latina 20 anni prima . Tuttavia, dopo un profondo travaglio psicologico e una lunga riunione dell’ eurogruppo si giunse alla conclusione che il bail-in era l’unica soluzione . La Grecia inizio’ con la ristrutturazione del debito pubblico e Cipro seguì con le banche .

Questo era prima dell’estate fatidica del 2014 , quando ancora una volta  la crisi cambio’ corso. Per la prima volta ..

6 pensieri su “A Washington, nelle stanze del potere, gira un manoscritto anonimo sulla crisi dell’eurozona da cui si capisce che …

  1. Secondo me è tutto chiaro anche senza commenti ! Bisognerebbe rifare il cervello nuovo nella testa della gente e ripartire con meno intelligenza ma quella esistente spalmata in modo uniforme eliminando i focolai concentrati del potere e di intelligenza furbesca i quali debellano ogni facoltà intellettuale del popolo per nutrire il proprio portafoglio, riuscendoci alla grande !

    Mi piace

  2. Propone spunti interessanti (specie nel modo di vedere il debito); forse traspare un po di sicumera circa la solidità dei colleghi americani.

    Ormai il tempo è quasi esaurito, siamo di nuovo in bolla. Possiamo solo sederci e vedere cosa succede: scopriremo facilmente come finisce questa storia.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.